Bucatini all'amatriciana

Bucatini all'amatriciana
Primi Piatti
Primi Piatti PT15M PT20M PT35M
  • 4 persone
  • Facile
  • 35 minuti
Ingredienti:
  • 400 g di bucatini
  • 130 g di guanciale senza cotenna
  • 75 g di Galbanino Galbani
  • pochissimo olio extravergine d'oliva
  • 1 g di pepe nero
  • 1 g di peperoncino rosso
  • 350 g di pomodori pelati

presentazione:

I bucatini all'amatriciana, o matriciana in romanesco, sono una ricetta tipica della tradizione gastronomica laziale, realizzati con una salsa rustica al sugo di pomodori, guanciale, pecorino, peperoncino e abbondante pepe.

I suoi natali sono da ricercarsi ad Amatrice, comune in provincia di Rieti, nel centro della Sabina. La ricetta tradizionale prevede l'uso di spaghetti, rigatoni e bucatini e la nostra ricetta predilige l'uso proprio di questi ultimi. I bucatini nacquero hanno una caratteristica: quella di assorbire meglio e con maggiore abbondanza il condimento data la loro forma simile agli spaghetti ma vuoti per tutta la lunghezza e con diametro superiore a quello degli spaghetti pieni.

Esistono diverse varianti di questa ricetta tipica, ma tutte presentano una costante, rappresentata dal fatto che per eseguire una buona amatriciana è assolutamente indispensabile il guanciale.

La preparazione che vi state accingendo a realizzare nella vostra cucina è una variante della ricetta tradizionale, in quanto prevede l'uso del Tronchetto di Capra Santa Lucia al posto del pecorino romano. Il risultato sarà davvero appetitoso!

Preparazione:

Per realizzare i bucatini all'amatriciana dovete prima di tutto mettere abbondante acqua a bollire, quindi salatela e cuocete al suo interno i bucatini al dente.

Nel frattempo tagliate il guanciale a fettine non troppo sottili, poi a listarelle di 2 centimetri di larghezza. Dopodiché riponete i pezzetti di guanciale in una padella insieme a pochissimo olio extravergine d'oliva, la quantità necessaria per evitare che il guanciale si attacchi. Cucinate il salume a fuoco lento, mescolandolo continuamente finché non sarà ben colorito.

Una volta che il guanciale avrà assunto una colorazione uniforme e comincerà a rosolare, aggiungete anche il peperoncino rosso e la polpa di pomodori. Fate cucinare il tutto fino a quando il pomodoro non risulterà totalmente disciolto.

Ad operazione conclusa verificate la cottura della pasta, quindi scolatela al dente e mettetela nella padella insieme alla salsa realizzata. Mescolate bene il tutto di modo che gli ingredienti si amalgamino bene tra loro.

A questo punto, unite ai vostri bucatini all'amatriciana anche il Tronchetto di Capra Santa Lucia grattugiato e un'abbondante macinata di pepe nero. Servite subito la pietanza.

Curiosità:

Numerosi piatti della regione Lazio e in particolare della cucina romana, si sono meritati un posto di pregio nelle cucine di tutta la penisola.

L’amatriciana ad esempio, in altre regioni viene preparata con della semplice pancetta che viene rosolata in una padella assieme alla cipolla a fuoco piuttosto vivace prima di essere sfumata con del vino bianco secco e molto spesso il pecorino grattugiato viene sostituito con del parmigiano.

La versione in bianco di questo piatto viene chiamata invece gricia e anche questo piatto proviene dalle tradizioni dei pastori che nelle proprie sacche portavano gli ingredienti necessari per preparare queste deliziose ricette, ingredienti che provenivano dalle proprie produzioni, in cui abbondavano i derivati del maiale.

Se alla gricia aggiungete delle uova, vi ritroverete a mangiare un’ottima carbonara: in questo caso invece di tagliare delle listarelle di guanciale o pancetta, riduceteli a dadini.

Vi sono piaciuti questi nostri consigli? Ne aggiungiamo ancora uno. Avete mai provato a condire degli gnocchi in questo modo? Lessateli in abbondante acqua salata e poi spadellateli condendoli con questi sughi squisiti. Siamo sicuri che non ve ne pentirete.

I vostri commenti alla ricetta: Bucatini all'amatriciana

Lascia un commento

Massimo 250 battute