Come trasformare un piatto in un quadro

Galbani
Come trasformare un piatto in un quadro
La cucina è un’arte e, come tale, rivela al mondo stati d’animo, emozioni e sentimenti che si esprimono attraverso chi, per lavoro o per passione, esprime se stesso. Il cibo diventa arte quando il contrasto cromatico degli alimenti e la loro presentazione si fondono insieme per un risultato armonico perfetto che lascia pregustare il momento dell’assaggio con un gusto immaginifico che rende speciale l’attesa. Insegnare l’arte del cibo ai vostri figli li mette in contatto con un'espressione artistica che stimola la loro creatività. Vi sorprenderete di quante idee possono avere i bambini se, tra tanti ingredienti colorati e immersi nel profumo della vostra cucina, decideranno di aiutarvi nella presentazione di un primo o di un secondo o nella decorazione di una torta.

Primi piatti d’autore

Primi piatti d’autore Trasformare il piatto in un quadro è un’impresa facile per chi ama cucinare e mette la propria passione durante tutta la preparazione.

Impiattare, decorare e servire sono gesti che, se fatti con cura, assicurano sempre un risultato sorprendente. Per trasformare un primo piatto in un quadro impressionista, pieno di colori naturali e mai spenti, dovete scegliere ingredienti freschi e cucinarli nel modo più indicato affinché non perdano le loro tonalità e le loro sfumature.

La natura è la tavolozza dei colori, voi e i vostri bambini i pittori, il piatto è la tela: non vi resta che cominciare a dipingere.

Come in tutte le cose, si impara dalle basi e, in cucina, tra i primi piatti dell’eccellenza culinaria, che si veste di bellezza e semplicità, spiccano gli spaghetti al pomodoro. Ecco i colori che la natura vi regala per portare in tavola questo piatto: il giallo dorato della pasta, il rosso intenso del pomodoro e il verde brillante del basilico che si uniscono in un'armonia di colori e sapori ineguagliabile.

Vi basterà arrotolare nel piatto un ciuffo di spaghetti in modo che formi un nido, coprirlo con il pomodoro fresco appena scottato e decorare con il basilico. E la prima prova d’arte visiva culinaria è superata. Porterete in tavola un piatto d’autore, con estrema semplicità.

Girasoli per contorno

Girasoli per contorno Prendendo spunto da un celebre quadro, potete servire un contorno di lenticchie e peperoni sistemando gli ingredienti in un grande piatto da portata a comporre un immenso girasole profumato.

Vi basterà solo un po’ di abilità nel tagliare e scottare i peperoni, ma il risultato sarà eccellente.

Vi serviranno: 3 peperoni gialli; 250 g di lenticchie; olio extravergine d’oliva. Per prima cosa, mettete a bagno le lenticchie per qualche ora, quindi lessatele e insaporitele in padella con uno spicchio d’aglio e un rametto di rosmarino. Nel frattempo, eliminate la calotta dei peperoni, divideteli a metà e privateli dei semi e dei filamenti bianchi. Sciacquateli sotto l’acqua corrente e metteteli in una pentola con acqua bollente. Scottateli per un paio di minuti, scolateli e lasciateli raffreddare. Metteteli su un tagliere e affettateli in tanti triangoli, facendovi aiutare dei vostri bambini* a sagomare i lati più lunghi come onde per dare la percezione dei petali. Si divertiranno moltissimo.

Una volta che le lenticchie sono pronte, disponetele al centro di un grande piatto bianco dalla forma rotonda. Formate un cerchio, appiattitelo con il dorso di un cucchiaio e cominciate a disporre i petali per formare il girasole. Condite con un filo d’olio extravergine d’oliva e portate in tavola la vostra opera d’arte.

* sopra i 3 anni

Un secondo pieno di poesia

Un secondo pieno di poesia Pesto e gamberetti per dipingere un piatto bianco e farlo diventare un capolavoro. Tutto deve essere cotto e sistemato con paziente armonia, distribuendo nel piatto i gamberetti come se fossero timide lumache, scottati appena in acqua bollente per assicurare al quadro un colore vivo ed intenso, così come deve essere anche il colore del pesto. Se volete un risultato eccellente, preparatelo in casa utilizzando rigorosamente foglie di basilico genovese che vi assicureranno un colore verde brillante, che dipingerà il prato su cui le vostre speciali lumachine si riposeranno. Ecco cosa fare per il procedimento: preparate il pesto facendo divertire i vostri bambini*; lavate le foglie di basilico e fatele asciugare sistemandole dentro un canovaccio di lino pulito, senza rovinarle troppo. Pulite l’aglio e pestatelo nel mortaio insieme alle foglie asciutte e al sale grosso e lasciate che i bambini* comincino a giocare con il mortaio, pressando gli ingredienti con un movimento circolare. Unite anche il parmigiano e il pecorino grattugiati e lasciate che completino l’opera. Ricordatevi di dare loro del sale grosso da aggiungere al pesto, servirà a mantenere vivo il verde brillante delle foglie di basilico e a rendere il prato perfetto. Mentre i bambini si dedicano al pesto, voi preparate le lumache del quadro: scottate in acqua bollente salata sei gamberetti, scolateli e metteteli da parte. In un piatto bianco, di qualsiasi forma e dimensione, distribuite bene il pesto, avendo cura di non fare sbavature. Delineate bene il prato, adagiateci i gamberetti leggermente ripiegati e decorate con piccolissimi fiori di campo bianchi e gialli. Ed ecco il vostro secondo piatto che arriva in tavola come un bellissimo dipinto in cui avrete usato colori freschi e vivaci e che sarà il preludio di un assaggio irresistibile anche se vi dispiacerà un pochino rovinare questo bel quadro.

Potete preparare il prato anche con una vellutata di spinaci o di piselli. Ricordate solo che per mantenere vivo il colore brillante delle verdure dovrete cucinarle rigorosamente senza coperchio.

* sopra i 3 anni

Un piatto di frutta come un cielo stellato

Un piatto di frutta come un cielo stellato Se volete servire la frutta in maniera originale e poetica, portate in tavola un cielo stellato e sarà ancora più dolce assaggiare i frutti zuccherini che coccolano il palato. Il blu notte del cielo sarà dipinto dal colore intenso dei mirtilli e la luna e le stelle avranno il giallo di carambole, ananas e melone . Sono questi gli ingredienti con cui vi divertirete, insieme ai vostri bambini* a trasformare la fine di una cena in un picnic sotto le stelle.

Prendete una grande quantità di mirtilli, sciacquateli sotto l’acqua corrente e fateli scolare in un colino a maglie strette. Nel frattempo, pulite un ananas e affettatelo sottilmente; prendete dei tagliabiscotti a forma di stella e intagliate le fette di ananas. Eliminate gli scarti e mettete le stelle da parte. Su un tagliere, affettate qualche carambola: sono frutti a forma ovale che hanno cinque punte: tagliandoli ricaverete delle stelle bellissime, di un colore giallo acceso che le renderà perfette per il vostro firmamento. Mettetele in una ciotola e, sullo stesso tagliere, pulite un melone giallo, affettatelo e con un coltellino molto affilato, ricavate una fetta a forma di spicchio di luna. Stelle e luna sono pronti. Adesso non vi resta che scegliere il piatto più adatto e comporre il vostro quadro. Vi consigliamo di scegliere un piatto piano o un vassoio bianco, così da sistemare i mirtilli perfettamente. Per fissarli al piatto però, dovrete preparare il caramello da spalmare sul fondo in modo che i mirtilli non si muovano. Lo stesso farete con gli altri frutti. Sciogliete in un pentolino lo zucchero con un cucchiaio di acqua e lasciate che si caramellizzi. Voi occupatevi di spalmare il caramello sul piatto, i vostri bambini di versare i mirtilli sul piatto che, grazie al caramello, si sistemeranno uno accanto all’altro, ricoprendo interamente il fondo e creando un cielo blu di grande effetto. A questo punto, mentre aspettate che il caramello si solidifichi e fissi a sé i mirtilli, sciogliete altro zucchero nel pentolino, vi servirà da collante per le stelle e la luna. Intingete da un lato i frutti nel caramello e sistemateli nel piatto, dando piano piano corpo al vostro firmamento di frutta. Aspettate che il caramello si asciughi e servite il vostro capolavoro. Sarà molto piacevole staccare la frutta dal piatto e assaporare il croccante del caramello con il dolce fresco della frutta.

* sopra i 3 anni

Dolce bianco Natale

Dolce bianco Natale La cheesecake è un dolce molto versatile e adatto a tante occasioni e, se la preparate al profumo di zenzero e cannella , si trasforma nella tela perfetta su cui dipingere rami di vischio di un bianco candido da portare in tavola la sera della vigilia di Natale. Vi serviranno: un foglio di carta da forno; 1 albume; 260 g di zucchero a velo; qualche goccia di succo di limone; 50 g di cioccolato bianco; confettini argentati piccoli. Disegnate sul foglio un ramo di vischio e preparate la glassa reale: mescolate l’albume con lo zucchero e le gocce di limone e montate per cinque minuti. Stendete la glassa sul disegno con l’aiuto di un sac à poche con la bocchetta piccola liscia, e lasciatela asciugare per qualche ora. Staccate delicatamente il ramo e trasferitelo sulla cheesecake fredda, cosparso del cioccolato bianco grattugiato. Completate con altro zucchero a velo e i confettini argentati. Il candore del vostro quadro anticiperà la dolcezza del vostro dessert di Natale.