Formaggi e frutta: insieme in ricette da gourmet

Galbani
Formaggi e frutta: insieme in ricette da gourmet
Chi non ha mai provato l'abbinamento formaggio e frutta deve assolutamente rimediare e lasciarsi incuriosire da questa strana coppia!

Possiamo scegliere di preparare un antipasto con questa accoppiata, o di servirlo alla fine del secondo piatto e prima del dolce: negli ultimi anni, la tendenza è quella di utilizzare i formaggi come una vera e propria portata. Da pochi anni a questa parte, in Italia è sempre più presente l'affinatore-selezionatore (esperto e ricercatore di formaggi), figura che in Francia esiste da molto più tempo.

Dai loro consigli impariamo che:

  • - Il formaggio non va mai servito solo, ma deve essere accompagnato da verdura, frutta fresca e secca, pane, miele ed erbe aromatiche.
  • - Gli abbinamenti sono davvero tanti, ce n'è per tutte le portate, ma con un po' di calma riusciremo a fare un po' di chiarezza, utilizzando gli ingredienti che abbiamo in cucina.

Negli antipasti e stuzzichini

Negli antipasti e stuzzichiniPer degli antipasti veloci e non banali, possiamo creare degli involtini di prosciutto crudo con fichi e pecorino, da condire con un po' di pepe e dell'aceto balsamico. Le pere sono il frutto che meglio si presta a essere accompagnato dai formaggi. E allora, creiamo delle barchette, dividendo le pere in due e svuotandole leggermente. Andremo poi a riempirle con una crema ottenuta lavorando il burro a temperatura ambiente e il taleggio.
Per dare un po' di colore alla tavola, possiamo creare degli spiedini con la frutta che preferiamo, alternando dei tocchetti di formaggio. Cominciamo dal formaggio, proseguiamo con la fragola, ancora un pezzo di formaggio, un po' di ananas e via proseguendo.
Durante l'estate, il melone è molto apprezzato; si può pensare di utilizzarlo per creare un hummus con la crescenza, da mangiare accompagnato a dei crostini di pane. Oppure, creiamo delle bruschette con fette di pancetta, camembert e albicocche. Se quest'ultime non sono di stagione possiamo usare anche della marmellata.
Un'idea per preparazione molto veloce e semplice, da presentare nel caso in cui avessimo deciso di organizzare una cena con gli amici all'ultimo momento, è quella di disporre del formaggio spalmabile in una ciotola, e di tagliare le mele a fette (meglio ancora a bastoncino) per creare una sorta di pinzimonio.

Nei primi piatti

Nei primi piattiLe ricette per la preparazione di primi piatti sorprendenti sono tante, grazie anche alla versatilità della frutta secca che non dona solo sapore, ma offre anche un gioco di consistenze molto interessante. Cominciando da un primo piatto come la pasta, noci e gorgonzola.
Con la frutta e i formaggi si possono creare molte creme, con cui poter condire i nostri primi piatti.
Una crema di fichi potrebbe andare bene per dei fusilli con provolone o formaggio tipo Galbanino (piccante o dolce, a seconda del vostro gusto), speck e qualche goccia di limone.
I ravioli ripieni di ricotta, invece, si possono condire con del taleggio fatto sciogliere a bagnomaria con un goccio di latte, e delle fettine di mela tagliate molto sottilmente e fatte caramellare. Per quest'ultima operazione, basta mettere la mela già tagliata in un tegame, aggiungere lo zucchero semolato e quello di canna, mescolare bene e aggiungere l'acqua. Si cuoce fin quando l'acqua non sarà evaporata e la mela risulterà cotta.
Per portare in tavolo un tocco esotico, possiamo eseguire la ricetta degli spaghetti con un sugo di pomodori, avocado, parmigiano e basilico, tutto a crudo! Ottima per l'estate e per preparare una cena velocissima, senza trascorrere troppo tempo ai fornelli.

Gli amanti del colore e dei gusti estrosi potranno preparare un risotto alle fragole, da accompagnare con del buon prosecco; oppure delle tagliatelle con arancia e panna, per portare un po' di arancione in tavola.
In inverno, invece, possiamo pensare a una zuppa con castagne, legumi e formaggio tipo Galbanino; un piatto davvero gustoso, da abbinare a un vino rosso.

Nei secondi piatti

Nei secondi piattiProseguiamo con il nostro menù, alla volta dei secondi piatti e dei contorni. Anche in questo caso, le ricette abbondano, e un'idea tira un'altra.
Che dire dei fantastici tortini con trito di pistacchi, fichi, formaggio di capra Santa Lucia morbido ed erba cipollina? Una ricetta vegetariana, per un secondo davvero raffinato. Oppure, perché non preparare una vellutata di ceci? O ancora un paté con ceci, succo d'arancia e gorgonzola.
Per preparare questo piatto, i ceci vengono frullati con un filo d'olio, un pizzico di sale e di pepe. Se il composto risulta troppo solido, si aggiunge un po' di latte, fin quando la consistenza non è quella desiderata. Aggiungiamo il gorgonzola, il succo di arancia e mescoliamo per bene. Con l'aiuto di un coppapasta, o di vaschette monoporzione, diamo la forma al nostro paté, che lasceremo riposare in frigo per almeno un'ora. Un gioco da ragazzi, per un piatto particolare.
Con la mozzarella possiamo creare una caprese rivisitata, utilizzando delle pesche, invece dei pomodori, e delle foglioline di menta.
Per un contorno fresco, possiamo preparare un'insalata con spinaci freschi, pere, scaglie di grana e una riduzione di aceto balsamico, per un accompagnamento naturale che può andar bene anche per il pesce.

Nei dolci

Nei dolciCon formaggio e frutta possiamo ideare una ricetta per ogni gusto, bilanciando bene il dolce della frutta con la sostanza dei formaggi. Quest'accoppiata vincente è ottima anche per preparare dei dolci freschi e gustosi.

Come le famose cheesecake: torte composte da una base di biscotti secchi tritati, amalgamati con il burro, e una crema creata utilizzando formaggi freschi e spalmabili, da poter personalizzare come vogliamo. Aggiungendo dei pezzi di cioccolato e dei frutti di bosco si ottiene un ripieno saporito e particolare.
Anche la ricotta è molto usata in pasticceria, sia per la farcia (come nel caso della tradizione siciliana con cannoli e cassata), sia per preparare soffici dolci da mangiare a colazione, come una torta con le pesche, che possono essere sia fresche che sciroppate.
Lo yogurt è un altro prodotto latticino molto versatile, da poter utilizzare per creare delle creme da mangiare al cucchiaio, con o senza uova. Infatti, aggiungendo dei pezzetti di frutta a piacere, otteniamo un alimento fresco, per una merenda dal gusto leggero.
Anche il tiramisù, uno dei dolci più preparati in Italia, prevede un formaggio come suo ingrediente principale. Parliamo del mascarpone, con cui è possibile creare delle creme gustose e vellutate, da poter impiegare in molte ricette. Anche il tiramisù è personalizzabile servendoci della frutta, come fragole, ananas e banana.

Abbiamo visto com'è semplice stimolare la propria creatività in cucina, creando dei piatti ricchi di sapore, o delle salse da poter utilizzare come meglio crediamo unendo semplicemente formaggi e frutta. Possiamo anche invitare degli amici a cena e offrire un menù che vede come unica protagonista questa fantastica accoppiata! Per essere davvero raffinati, divertiamoci a scovare anche gli abbinamenti eno-gastronomici più giusti, in base ai piatti che andremo a preparare. In questo caso, è importante ricordare che il vino deve accompagnare le portate in un percorso che coinvolge i sensi e che non deve mai coprire i sapori.

Quindi, perché limitarsi a mangiare dei tocchetti di formaggio accompagnati con chicchi di uva, quando possiamo osare molto di più?

I formaggi sono alimenti completi, che ben si prestano ad abbinamenti con vini e confetture, oltre alla frutta. Si dividono grossolanamente in due gruppi: freschi o stagionati. I primi sono quei latticini che devono essere consumati poco dopo la preparazione o dopo poche settimane di maturazione. Contengono un'elevata percentuale di acqua; risultano quindi freschi e molto graditi nei periodi caldi. Appartengono a questa categoria formaggi come la mozzarella, la burrata, la provola, la scamorza, la crescenza, la ricotta e il mascarpone.
I formaggi stagionati vengono prodotti con latte vaccino, ovino e caprino. Hanno bisogno di un periodo di maturazione lungo, prima di essere consumati. A loro volta si dividono in formaggi a pasta molle, che spesso appaiono ricoperti da un velo di muffa per via della fermentazione prolungata, o da una leggera crosticina; e formaggi a pasta dura, che presentano una bassa percentuale di acqua e, spesso, sono leggermente salati o piccanti.

Con un po' di creatività, e alcuni consigli, è facile variare l'alimentazione, ed è bene che i prodotti siano sempre di qualità. Frutta e verdura possibilmente devono essere freschi per rendere al meglio.