Come cucinare i cardi

Galbani
Come cucinare i cardi
Il cardo, cardo gobbo o carciofo selvatico è un ortaggio invernale che potete usare per cucinare sfiziose preparazioni al forno con formaggio e besciamella, ma anche gustose ricette in padella e fritture croccanti.
Con i cardi potete realizzare antipasti semplici e veloci, primi piatti saporiti di pasta o riso, zuppe invernali e contorni speciali.
Cercate altre idee per cucinare i cardi? Continuate la lettura per scoprire le tante curiosità di questo ortaggio e le ricette dal sapore deciso.

Come si cucinano i cardi?

Come si cucinano Pulire i cardi è piuttosto semplice, dovete però seguire alcuni consigli per ottenere una pulitura perfetta.
La pulizia dei cardoni è molto simile al sedano, ma ricordate di utilizzare dell'acqua acidulata proprio come si fa con i carciofi, per evitare che anneriscano.
Procuratevi una ciotola capiente colma d'acqua con succo di limone. Tagliate la parte finale dei cardi, eliminate le foglie e le coste esterne, solitamente più dure e rovinate dal gelo. Non preoccupatevi delle spine, i cardi non le hanno!
Lavate bene la verdura, poi partendo dalla parte delle radici, tirate via con un coltello i filamenti di ogni costa come si fa con il sedano.
Aggiungete subito i cardoni nell'acqua e succo di limone e, se possibile, tenete a bagno per qualche ora. In questo modo potrete eliminare il leggero gusto amarognolo del cardone.
Adesso i cardi sono pronti per essere utilizzati in vari modi. Potete cuocerli interi o tagliati in pezzi di 3-4 centimetri. Scegliete voi come cuocerli tra le tecniche di cottura descritte di seguito.

I cardi cotti in pentola sono piuttosto facili da cucinare.
Immergete i cardoni ben puliti in una pentola d'acqua bollente salata con del succo di limone. Coprite con un coperchio e fate bollire a lungo, fino a quando diventano teneri.

Visto che la cottura dei cardoni è piuttosto lunga se usate la pentola a pressione i tempi di cottura saranno dimezzati. Aggiungete un bicchiere di acqua insieme ai cardi, spremete un mezzo limone e cuocete con un coperchio.

La cottura sul fornello con olio extra vergine d'oliva e aglio, richiede più tempo.
Lasciate imbiondire l'aglio in un tegame con un po' d'olio, poi aggiungete il cardo tagliato in pezzi. Bagnate con del brodo e cuocete con un coperchio finché gli ortaggi risultano teneri.

Quanto devono cuocere i cardi? Calcolate i tempi di cottura in base alla grandezza della verdura.
In genere occorrono: 45 minuti in pentola; 20 minuti a partire dal fischio per la cottura a pressione; un'ora circa per la cottura in tegame.

Come cucinare i cardi gobbi

Cardi gobbi I cardi gobbi sono una varietà di cardo dalla caratteristica forma ricurva che potete utilizzare in cucina per cucinare gustosi piatti della cucina italiana. Siete a corto di idee? Ecco, da nord a sud, alcune ricette.

Potete usare il cardo gobbo per cucinare la bagna cauda piemontese, una delle salse italiane più note a base di aglio, burro e filetti di acciuga. Servitela insieme a delle verdure bollite come i cardi stessi, finocchi, sedano e topinambur.

Se vi piace la cucina ligure prendete ispirazione dalla ricetta tipica dei cardi alla genovese e cucinateli al forno con latte cagliato, uova e pangrattato.
In alternativa cucinateli “trippati” con il pomodoro, oppure “alla perugina” conditi con carne macinata, formaggio parmigiano grattugiato e cotti in forno.
Preferite una ricetta più semplice? Lessateli e conditeli a crudo con olio e pecorino romano grattugiato.

Un'altra ricetta regionale è la parmigiana di cardi. Potete preparala come una versione invernale della classica parmigiana di melanzane campana, con mozzarella e pomodoro.
Usate acciughe, capperi, formaggio e pangrattato per cucinare la ricetta dei cardi alla brindisina.
Infine nella cucina siciliana e non solo, troviamo i cardi fritti in pastella o ripieni al forno.

Un altro piatto tipico della cucina italiana è la ricetta dei cardi gobbi al latte.
Questa preparazione conquisterà tutta la famiglia, bambini* compresi, per il suo sapore morbido e burroso. Infatti la cottura nel latte permette di eliminare quel lieve gusto amarognolo caratteristico del cardo.
Tritate una cipolla bianca e fatela appassire in un tegame con un po' di burro, aggiungete qualche filetto di acciuga tritato, latte e un po' di panna da cucina.
Aggiungete le coste dei cardi gobbi ancora crudi, coprite con altro latte e lasciate cuocere a fuoco lento per circa un'ora.
Prima di aggiungere del sale assaggiate: le acciughe dovrebbero essere sufficienti per insaporire il piatto.
Vi è già venuta l'acquolina in bocca? Non perdiamo tempo allora! Scoprite subito qualche ricetta stuzzicante per preparare i cardi in padella.

* sopra i 3 anni

Come cucinare i cardi in padella

Cardi in padella In questa sezione trovate qualche ricetta facile per cucinare i cardi in padella. In pochi minuti avrete pronto un bel contorno fumante o dei sughi sfiziosi per i vostri primi piatti di pasta.

Una delle principali qualità dei cardi è il sapore e la consistenza, entrambi molto simili ai gambi del carciofo. Proprio con questi due ortaggi potete cucinare un contorno gustoso in pochi minuti.
Pulite i cardi e i carciofi e metteteli a mollo in acqua acidulata, ciascuno nella propria ciotola.
Fate imbiondire in una padella uno spicchio d'aglio con olio extra vergine d'oliva per qualche istante.
Unite i cardoni tagliati a tocchetti e fate cuocere per circa venti minuti con un po' d'acqua, aggiungendola più volte se necessario.
Quando i cardi risultano al dente aggiungete i carciofi tagliati a fette e continuate la cottura per altri 10 minuti. Condite con del prezzemolo fresco tritato prima di servire in tavola.

La stessa ricetta può essere seguita per la cottura dei cardi con le patate.
Bollite prima i cardoni in acqua salata e poi cuocete le patate tagliate a tocchetti.
Se avete in casa della pancetta o della salsiccia potete usarla per il soffritto, poi saltate per qualche minuto i cardi bolliti e tagliati a pezzetti.
Servite come contorno caldo, con pepe nero macinato sul momento, oppure conditeci la pasta. Vi basterà tagliare a pezzi più piccoli i cardi e aggiungere della panna da cucina.

Altrettanto gustosi sono i cardi trifolati. Potete seguire la stessa ricetta utilizzata per i carciofi trifolati, oppure cuocere i cardoni con dei funghi.
Utilizzate del burro, un mazzetto di prezzemolo fresco, pepe, sale e un bicchiere di vino bianco per sfumare.

Vediamo infine una ricetta molto facile per cucinare i cardi in umido.
Cuocete della salsa di pomodoro in un tegame per una decina di minuti. Aggiungete poi uno spicchio d'aglio spremuto, i cardoni cotti precedentemente e fate insaporire per qualche minuto.

Come cucinare i cardi al forno

Cardi al forno Vediamo ora le ricette dei cardi al forno. Potete sbizzarrirvi con tanti ingredienti diversi per preparare degli appetitosi piatti unici da proporre anche ai vostri bambini*.

La già menzionata parmigiana di cardi, utilizza il solito procedimento e gli ingredienti tipici della parmigiana di melanzane. Il consiglio è di utilizzare i cardi fritti per ottenere una ricetta dal gusto più saporito, altrimenti aggiungete i cardi lessati o saltati in padella per un piatto dal sapore più leggero.

Sempre tra le preparazioni al forno troviamo i cardi gratinati, che si preparano partendo con i cardi lessi saltati nel burro.
Ungete con del burro una teglia e create strati alternati di cardi e besciamella, poi coprite con una passata finale di noce moscata. Infornate a forno ben caldo per circa 20 minuti. Gli ultimissimi minuti attivate la funzione grill per dare un aspetto dorato e appetitoso ai vostri cardi gratinati.

Siete in cerca di altre idee per cucinare i cardi? Provate alcune varianti della ricetta appena illustrata a base di sugo di pomodoro, ragù di carne o formaggi filanti.

Vediamo ora il procedimento di un altro piatto unico dal gusto molto saporito: i cardi ripieni al forno.
La ricetta prevede l'utilizzo di pangrattato, uova, formaggio tipo caciocavallo, sugo di pomodoro e un pesce molto saporito: le acciughe.
Soffriggete un piccolo scalogno con qualche filetto d'acciuga e il pangrattato.
Utilizzate dei cardoni lessati interi, con le coste unite in un unico mazzo, e farciteli con il composto di pangrattato, formaggio e prezzemolo.
Utilizzate le uova sbattute per sigillare bene ciascun cardo, poi sistemate tutto in una teglia da forno. Condite i cardi con abbondante sugo di pomodoro e fate cuocere a 200° per un quarto d'ora circa.

* sopra i 3 anni

Come cucinare i cardi lessi

Cardi lessi I cardi lessi sono il punto di partenza di ogni ricetta a base di questo ortaggio. Poiché il cardo ha una cottura lunga, necessita sempre della bollitura in acqua salata acidulata.

Volete ottenere una bollitura perfetta? Cuocete i cardi per mezz'ora in acqua salata e succo di limone, poi scolateli, svuotate la pentola e mettetela di nuovo a bollire con acqua pulita.
Una volta raggiunta l'ebollizione cuocete i cardi per altri 30 minuti circa.
Lasciate raffreddare e preparate una gustosa insalata invernale condita con olio extravergine di oliva, limone e qualche filetto d'acciuga.

La consistenza soda del cardo permette di preparare anche ottime frittate, pizze e torte salate.
Una torta rustica da proporre come antipasto o piatto unico, è senza dubbio la torta salata con i cardi e mortadella. Sempre con questo ortaggio potete realizzare uno sformato di cardi dal gusto speciale.

Ed eccoci ai piatti da mangiare con il cucchiaio in una fredda serata d'inverno, quando i bordi delle strade e i campi sono colmi di neve. Il cardo è proprio la verdura dalla consistenza perfetta per zuppe, creme e vellutate.
Aggiungete altre verdure di stagione per la vostra zuppa di cardi, come la zucca, i cavoli e le carote. Potete cuocere tutto insieme con del brodo, purché tagliate in pezzetti più piccoli le verdure che necessitano di una cottura prolungata.
Unite poi del riso o altri cereali e continuate a cuocere la vostra zuppa invernale.

Un'alternativa alla zuppa è la crema di cardi e patate.
Utilizzate acqua e limone per lavare i cardoni, poi sbollentateli in acqua salata e limone. Scolate i cardi, tagliateli a pezzetti più piccoli per agevolare la cottura e bollite nuovamente insieme alle patate.
Frullate tutto insieme e poi servite la crema di cardi con fettine di pane tostato.
Volete seguire una ricetta con le dosi precise? Date un'occhiata alla vellutata di patate e sostituite metà del peso delle patate con i cardoni.

Come cucinare i cardi fritti

Cardi fritti La frittura è uno dei migliori modi di consumare i cardi. Alcune ricette prevedono la frittura dei cardi in pastella; altre utilizzano l'impanatura con pane grattugiato e uovo; in altri casi ancora vengono infarinati e passati in olio bollente oppure semplicemente fritti in olio o burro.

Quale sia la ricetta da voi scelta non importa, ricordate di servire i cardi fritti caldi e gustarli subito.
Piccola premessa: la frittura da sola non sarà sufficiente a cuocere i cardi, perciò lessateli e asciugateli bene prima di friggerli.

Partiamo dalla ricetta più semplice e veloce: i cardi fritti.
Procuratevi dei cardi cotti tagliati a pezzi, dell'olio per friggere e un tegame dai bordi alti. Accendete il fuoco e versate abbondante olio nel tegame, quando è ben caldo aggiungete i cardi tagliati a pezzetti oppure interi.
Friggete a fuoco vivace finché i cardoni risultano dorati su tutti i lati. Scolate i cardi e fate assorbire l'olio in eccesso su della carta assorbente.
Potete servirli con delle fettine di limone insieme ad altre verdure fritte, oppure accompagnarli a secondi piatti di pollo e coniglio fritto.

Passiamo ora al procedimento dei cardi fritti infarinati. Questo procedimento prevede l'utilizzo di farina di grano, ma se preferite gustare un piatto privo di glutine utilizzate della farina di riso.
In una ciotola versate un po' di farina, prendete i cardoni lessi e passateli uno a uno nella ciotola. Eliminate la farina in eccesso e friggete in olio extravergine d'oliva ben caldo.
Per un contorno ancora più gustoso provate i cardi fritti nel burro: una vera delizia!

Sono avanzati dei cardi fritti? Cucinateli con la salsa di pomodoro! I cardi rifatti si preparano in due minuti. Il tempo di cuocere la salsa di pomodoro in un tegame e fare insaporire i cardoni insieme al sugo.

Vediamo ora i passaggi per la preparazione dei cardi fritti in pastella.
Utilizzate anche in questo caso cardi già cotti, bolliti o cotti in pentola a pressione. Come al solito, potete cuocere i cardi interi, oppure separare le coste e tagliarle in pezzi più piccoli.
Preparate la pastella con acqua, farina, lievito di birra e un pizzico di sale. Intingete i cardi nella pastella aiutandovi con due cucchiai e friggeteli in abbondante olio per fritture ben caldo.
Ed ecco pronto uno sfizioso antipasto!

Volete un fritto croccante? Provate a passare i cardi già cotti nel pangrattato e successivamente nell'uovo, avranno una superficie fragrante e dorata.

Approfondite la lettura per scoprire come cucinare i fritti alla perfezione.