Come fare le tartine

Galbani
Come fare le tartine
Una festa di compleanno, il buffet di un aperitivo, un brindisi tra colleghi in ufficio e l’immancabile tavola elegante di Natale che le mette in fila, bellissime, lucide e appetitose: le tartine sono adatte in qualsiasi occasione e sono sempre irresistibili. Oggi vi daremo consigli e moltissime idee su come prepararle come antipasto, non vi faremo mancare suggerimenti per le classiche tartine al salmone e al caviale, vi parleremo delle tartine delle feste e delle varianti che si possono portare in tavola per riscuotere un successo garantito. Benvenuti nel goloso mondo delle tartine.

Come fare le tartine per antipasto

Come fare le tartine per antipasto Un antipasto di tartine non è un semplice piatto, ma racchiude in sé idee e ingredienti buonissimi, ricercati o semplici, raffinati o rustici, adatti a qualsiasi tavola.

Le basi per preparare tartine buonissime sono tante: pancarrè, pane per tramezzini, pane casereccio, pasta sfoglia e persino polenta, come vedremo più avanti.

La tartina è una preparazione che si presta anche a molte farciture ed è facile realizzare un cabaret di gustose tartine in casa: vi basteranno fantasia, creatività e ingredienti di qualità.

Potete scegliere se coprire le vostre tartine con la gelatina o lasciarle al naturale, se farcirle con carne o pesce oppure scegliere formaggi e salumi e, per dare un tocco estivo, anche le verdure sono perfette per realizzare tartine eccellenti.

Scegliete gli ingredienti in base alle portate del pranzo o della cena in cui le tartine saranno l’antipasto. Cercate di equilibrare i sapori e di scegliere la giusta sequenza se ne preparate molte varietà. E se il pranzo prevede un tavolo dei bambini*, preparate per loro un antipasto sfizioso con tartine colorate. Un gioco divertente e goloso che prenderà subito tutti per la gola.

*sopra i 3 anni

Come fare le tartine al salmone

Come fare le tartine al salmone Il salmone è un grande protagonista delle tartine e non solo in occasione delle festività natalizie. Le tartine farcite con il salmone affumicato o fresco si prestano ad abbinamenti con molti altri ingredienti sfiziosi che le rendono sempre sofisticate, raffinate e soprattutto golosissime.

Oggi vi daremo qualche idea per servire un cabaret di tartine davvero deliziose. Queste tartine al salmone avranno una base di pasta che potrete preparare in modo semplice e veloce per dare una consistenza diversa e originale. Vi serviranno: 320 g di farina di frumento; 200 g di burro; 3 cucchiai di grappa; sale. In un mixer, mescolate la farina setacciata con 1 cucchiaino di sale e il burro a pezzetti; quando si saranno formate delle briciole, aggiungete la grappa mescolata con 4 cucchiai di acqua. Avvolgete l’impasto e lasciatelo in frigo per un’ora. Nel frattempo, preparate la copertura delle tartine con: 3 uova; 200 ml di panna; 1 cucchiaio di senape; 1 mazzetto di aneto; 200 g di filetto di salmone; 1 finocchio; 1 arancia; 1 cucchiaio di pistacchi; 1 cucchiaio di lamelle di mandorle. In una ciotola, mescolate le uova con la panna, la senape e l’aneto tritato. Mettete da parte e preparate il salmone: tagliatelo a fettine e unitelo in una ciotola con il finocchio affettato con una mandolina, l’arancia tagliata a fettine e mettete da parte. Stendete l’impasto in una sfoglia sottile, con un coppapasta ricavate 8 dischi e disponeteli negli stampini da crostatine rivestiti di carta da forno. Fate cuocere in forno a 180° per circa 25 minuti, sfornate, fate raffreddare, farcite ogni tartina con la crema preparata e decorate con il composto di salmone e una spolverizzata di pistacchi e mandorle. Fate gratinare sotto il grill per 1 minuto e servite.

Il gusto del salmone affumicato si sposa bene anche con tante creme di verdure e se ne preparate una ai Carciofi, otterrete degli stuzzichini rustici e al tempo stesso eleganti, da servire durante un aperitivo in terrazzo con i vostri amici. Per accogliere la crema, preparerete delle bruschette con sottili fettine di baguette unte d’olio e tostate sotto il grill del forno fino a doratura. Preparate la crema ricavando solo il cuore tenero di 3 carciofi e soffriggendoli in padella con 1 spicchio d’aglio, un filo d’olio e mezzo bicchiere d’acqua. Non appena diventano morbidi, frullateli in un mixer con 150 g di ricotta e farcite i crostini. Terminate con 120 g di fettine di salmone affumicato arrotolato e decorate con due fili di erba cipollina su ciascuna tartina.

Come fare le tartine con il caviale

Come fare le tartine con il caviale Le tartine al caviale non possono mai mancare nel buffet degli antipasti di una cena importante come quella di Capodanno. Deliziose e facili da realizzare, non richiedono molti ingredienti per raggiungere un risultato perfetto.

Oggi noi vi proporremo delle tartine al caviale molto particolari, con una base che si distingue dalle altre e che preparerete facilmente a casa. Vi serviranno: 5 g di lievito di birra; 400 ml di latte; 50 ml di panna liquida fresca; 150 g di farina; 2 uova; 1 pizzico di sale. Unite in una ciotola il lievito e il latte tiepido; aggiungete 25 g di farina, mescolate con una frusta e lasciate fermentare in un luogo asciutto. Quindi, unite la restante farina, mescolate con la frusta e, una volta che il composto risulterà liscio, aggiungete i tuorli delle uova. Mettete gli albumi da parte e montateli a neve e mescolateli al composto; montate anche la panna e aggiungetela per ultima, mescolando dal basso verso l’alto. Lasciate lievitare per 30 minuti e cuocete le tartine versando una cucchiaiata di pastella in una piccola padella antiaderente fino a formare un disco del diametro di 5-6 cm. Cuocetele su entrambi i lati, impilatele una sull’altra e mettetele da parte. Farcitele con 1 cucchiaio di crème fraîche e poi con il caviale.

Questa farcitura è comunque perfetta per qualsiasi base scegliate per le vostre tartine al caviale.

Come fare le tartine con gamberetti

Come fare le tartine con gamberetti Deliziose, dal gusto raffinato e adatte alle occasioni speciali: sono le tartine con i gamberetti. Oggi vi proponiamo delle ricette diverse dal solito per portare in tavola un grande classico in una versione originale e ricercata.

La nostra idea è quella di creare golosissime tartine millefoglie che sapranno stupire vista e palato. Se vi piace l’idea, gli ingredienti che vi serviranno sono: 2 rotoli di pasta sfoglia; 36 gamberetti; 3-4 ravanelli; una cipolla di Tropea piccola; 1 cuore di sedano; 50 g di maionese più un po’; germogli misti; olio extravergine d’oliva; fior di sale; sale e pepe. Ricavate dalle sfoglie dei rettangoli di 6 cm di larghezza e 8 cm di lunghezza; bucherellateli con i rebbi di una forchetta e sistemateli su una leccarda rivestita di carta da forno. Copriteli con altra carta e schiacciateli con una placca. Infornate a 200° per 15 minuti, sfornateli e metteteli da parte. Tagliate le verdure a dadini e mescolatele in una ciotola con la maionese. In una padella, fate saltare i gamberetti con un pizzico di fior di sale. Una volta pronti, metteteli in una ciotola e conditeli con un po’ di olio. Mettete su un vassoio 9 rettangoli, farciteli con l’insalata russa; coprite con i rettangoli rimasti, stendete un velo di maionese e posate su ciascuno 4 gamberetti, spolverizzate con un po’ di pepe, guarnite con i germogli e servite.

Golose salse e ingredienti insoliti per tartine con gamberetti davvero deliziose, perfette per uno sfizioso buffet degli antipasti della cena di Capodanno, accanto a finger food, focacce, torte salate e tanti stuzzichini. Vi serviranno; 10 crostini di pane rotondi; 8-10 gamberetti; 1 avocado; 1 cipolla di Tropea piccola; 4 cucchiai di aceto rosso; 1 pomodoro ramato; 2 cucchiai di salsa Worcester; olio extravergine d’oliva; 1 limone; qualche foglia di lattuga; sale e pepe. Per prima cosa, raccogliete i gamberetti in una ciotola e conditeli con olio, aceto, qualche goccia di limone, sale e pepe; metteteli a marinare in frigo per circa 15 minuti. Nel frattempo, affettate il pomodoro e tagliate finemente la cipolla. In una ciotola, unite 2 gocce di salsa, la polpa dell’avocado, aggiustate di sale e pepe e frullate con un frullatore a immersione. Con un coppapasta, ricavate 12 dischi da fette di pane casereccio e tostateli in padella 2 minuti per lato. Spalmateli con il guacamole, adagiatevi una fettina di pomodoro, una rondella di cipolla e guarnite con i gamberi marinati.

Una crema di yogurt al cetriolo ed erba cipollina accompagnano egregiamente i gamberetti su squisite tartine: una ricetta davvero imperdibile e veloce da realizzare che sprigiona tutto il profumo del mare.

Come fare le tartine di Natale

Come fare le tartine di Natale La sera della vigilia di Natale la tavola sembra un vero e proprio quadro colorato, tutti i colori delle buonissime pietanze preparate con cura e dedizione si alternano e regalano uno spettacolo cromatico molto bello. I sapori e profumi catturano l’attenzione di tutti che, per prima cosa, assaltano il buffet degli antipasti su cui, immancabili, troneggiano le tartine.

Impossibile non trovare le tartine al salmone che noi vi proponiamo in versione mousse: in un mixer unite 200 g di salmone affumicato con 200 g di robiola, l’aneto sminuzzato e una manciata di pepe rosa. Frullate e spalmate le vostre tartine di Natale, decorando con grani di pepe rosa per una presentazione semplice, elegante e scenografica.

Il pesce, si sa, nel menu delle feste è un grande protagonista e comincia ad arrivare a tavola proprio con le tartine in un composto di branzino e orata davvero gustoso. Fate saltare in padella 300 g di filetto di orata e 300 g di filetto di branzino con 1 spicchio d'aglio vestito e 2 cucchiai di olio. Fate bollire una patata grande in un pentolino con acqua salata, scolatela, sbucciatela e mettetela in un mixer. Unite anche il pesce, aggiustate di sale e pepe, aggiungete 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva e frullate. Spalmate la crema ottenuta su tartine di pane per tramezzini e servite decorando con fettine di limone e pepe nero in grani.

Adatta all’occasione e a suo agio nella stagione fredda, anche la zucca farcisce deliziose tartine in una veste semplice e gustosa. Preparate una crema con 400 g di polpa di zucca, 1 arancia, 2 cucchiaini di zenzero fresco grattugiato, 1 cucchiaino di coriandolo in polvere, 120 ml di olio; sale e pepe. Cuocete la zucca al vapore e frullatela con l’olio, la scorza grattugiata dell’arancia e il succo e aggiungete le spezie. Spalmate la crema su crostini di pane caldi e decorate con foglioline di salvia fritta.

Come fare le tartine con la gelatina

Come fare le tartine con la gelatina La gelatina copre le tartine per preservare gli ingredienti ma anche per renderle più eleganti. L’effetto lucido della gelatina, infatti, conferisce un aspetto più raffinato. Facile da preparare, la gelatina ricopre qualsiasi tipo di farcitura o guarnizione.

Vi suggeriamo la ricetta delle gustose tartine con avocado, cetriolo e menta, un antipasto saporito che verrà arricchito da una lucente gelatina fatta in casa.

Per prima cosa, preparate la gelatina con 25 g di fogli di gelatina, 500 ml di acqua, 1 cucchiaio di succo di limone. In una casseruola, fate scaldare 250 ml di acqua e, una volta arrivata a bollore, abbassate la fiamma e aggiungete la gelatina; mescolate con un cucchiaio di legno e fatela sciogliere completamente. Aggiungete gli altri 250 ml di acqua fredda e il succo di limone e versate il composto su un piatto largo dai bordi alti. Assicuratevi che la gelatina si stenda per uno spessore di 3 mm e mettetela a riposare in frigo per circa 8 ore.

Preparate le vostre tartine con 2 grandi fette di pane per tramezzini, 1 avocado, 1 limone, 1 cetriolo, qualche fogliolina di mentuccia, sale e pepe bianco. Mettete la polpa dell’avocado in una ciotola e schiacciatela con una forchetta aggiungendo un po’ di succo di limone, sale e pepe. Profumate con le foglie di mentuccia spezzettate finemente e spalmate il composto sul pane. Affettate molto finemente il cetriolo con un pelapatate e coprite le fette di pane. Ricavate dei dischi con un coppapasta e decorate con qualche fogliolina di menta. È arrivato il momento di coprire le tartine con la gelatina. Prendetela dal frigo, e con lo stesso coppapasta che avete utilizzato per ricavare le tartine, ricavate dei dischi con la gelatina. Aiutandovi con una spatola, trasferite i dischi di gelatina sulle tartine e mettete in frigo per circa 20 minuti prima di servire.

Come fare le tartine con il pancarrè

Come fare le tartine con il pancarrè Il pancarrè è tra le basi più classiche per preparare deliziose tartine. Facile da reperire, morbido e gustoso, si abbina perfettamente a qualunque ingrediente e si presta anche ad una preparazione facile e veloce.

Buone, sfiziose e dal sapore rustico e vivace, le tartine con il pancarrè che vi proponiamo sono farcite con crema di carciofi e pasta di salame. Adatte come antipasto di un pranzo domenicale in campagna, si preparano in poco tempo e otterranno sicuramente un grande successo. Vi serviranno: 200 g di pasta di salame; 100 g di panna; 4 fette di pancarrè; 4 carciofi; un limone; 1 mazzetto di erba cipollina; olio extravergine d’oliva; sale e pepe. Per prima cosa, dovete pulire e affettare i carciofi, immergerli in una ciotola con acqua acidulata con il succo di limone e lasciarli riposare per qualche minuto; scolateli e rosolateli in una padella antiaderente con 2-3 cucchiai di olio. Coprite con un coperchio e fateli cucinare per circa 10 minuti, quindi aggiungete la panna e proseguite la cottura per altri 10 minuti. Con un coppapasta, ritagliate dei quadratini dalle fette di pancarré di 5 cm di lato. Spezzettate i ritagli di pane, uniteli ai carciofi e trasferiteli in un mixer. Frullate fino a ottenere una crema soda e mettete da parte. In una ciotola, condite la pasta di salame con 2 cucchiai di olio, la scorza grattugiata di mezzo limone e qualche filo di erba cipollina tritata. Rimettete il coppapasta sui quadrati di pane e farcite con la crema di carciofi. Eliminate il coppapasta, spalmate sul quadrato anche la pasta di salame e guarnite con la scorza grattugiata del limone e l'erba cipollina.

Adesso vi proponiamo formaggio e pesce per un contrasto gustoso e indovinato. Sono piccole tartine con il pancarrè farcite con trota e crescenza. Vi serviranno: 19 fette di pancarrè; 80 g di crescenza; 1 cucchiaino di pasta di rafano; 3 cucchiai di panna; 50 g di trota affumicata; erba cipollina. Per prima cosa, in una ciotola, mescolate la crescenza con la panna e il rafano e create una morbida crema. Schiacciate le fette di pancarrè con un matterello e ricavatene 20 quadratini perfetti ritagliando i bordi. Rivestite degli stampini con il pane e riempite con la crema di crescenza. Cuocete in forno a 200° per 10 minuti, sfornate, lasciate raffreddare leggermente e disponete su ogni fetta di pane un pezzetto di trota affumicata. Potete decorare con l’erba cipollina e uova di lompo. Saranno perfette anche se utilizzerete il pane per tramezzini. In questo caso, potete realizzare delle girelle di pane, schiacciandolo molto sottilmente con un matterello e lasciandolo inumidire leggermente in frigo tra due canovacci bagnati e strizzati. Una volta pronto, farcite il pane con gli ingredienti suggeriti e, aiutandovi con il canovaccio, arrotolatelo, chiudetelo nella pellicola da cucina e lasciatelo riposare in frigo per circa 1 ora. Tagliatelo a fette dallo spessore di 1 cm ed ecco che i rotolini sono pronti per alternarsi su un cabaret di tartine miste.

Indivia belga e gorgonzola per un aperitivo che si distinguerà per sapori unici e ricercati. Vi serviranno: 10 tartine di pancarrè; 1 cespo di indivia; 30 g di burro; 1 fetta di gorgonzola da 150 g; 1 cucchiaio di zucchero di canna. Dividete l’indivia a metà nel senso della lunghezza, tagliatela grossolanamente e cuocetela in una padella con il burro per 10 minuti. Salate e cospargete con lo zucchero per far caramellare. Farcite il pane con l’indivia e aggiungete 2 o 3 tocchetti di gorgonzola per ogni tartina. Decorate con pinoli tostati e servite.

E le ricette per le tartine con il pancarrè non finiscono mai. Carciofi e paté di olive, sostenuti dalla sapidità del prosciutto crudo, per deliziose tartine perfette per ogni occasione. Vi serviranno: 4 carciofi; 100 g di paté di olive nere; 8 fette di pancarré; 8 fettine di prosciutto; olio di semi; maggiorana; 1 limone; sale e pepe. Per prima cosa, dovete tagliare i carciofi, lasciateli in acqua acidulata con il succo di limone e scolateli; friggeteli in una padella per fritti con abbondante olio di semi, scolateli e metteteli in un vassoio su carta assorbente. Con un coppapasta ricavate dei dischi e tostateli in forno 2 minuti per lato. Spalmateli con il paté di olive e coprite con i carciofi fritti, la maggiorana, il prosciutto a listarelle e pepe nero macinato al momento. Se vi piace, potete sostituire il prosciutto con la mortadella.

Come fare le tartine di polenta

Come fare le tartine di polenta Se non avevate ancora pensato ad abbinare la polenta ad altri ingredienti per realizzare deliziose tartine, oggi rimediamo noi. Facili e divertenti da preparare, le tartine di polenta saranno perfette come antipasto di un pranzo invernale che prelude a primi, secondi e contorni che riscaldano il palato e lo spirito. Preparate la polenta portando a ebollizione 300 g di farina gialla in 1,2 l di acqua salata. Mescolate con una frusta, unite 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva e cuocete per 50 minuti. Stendete la polenta su una teglia oliata e livellatela fino ad uno spessore di 1 cm. Quando si sarà raffreddata, ricavate 24 rondelle con un coppapasta tondo e tuffatele in abbondante olio bollente, friggete per 3-4 minuti, scolate e sistemate la polenta su un vassoio. Farcite con salumi, formaggi o, se volete una farcitura autunnale, fate saltare 150 g di funghi porcini secchi rinvenuti in acqua con 1 spicchio d’aglio, un trito di prezzemolo e 3-4 cucchiai di olio. Farcite le tartine di polenta e servite.

Come fare tartine veloci

Come fare tartine veloci Preparare tartine veloci è facilissimo se si hanno a disposizione i giusti ingredienti. Nulla deve essere cotto e tutto deve arrivare in tavola in pochi minuti? Presto fatto.

Prendete 3 fette grandi di pane per tramezzini e sistematele su un vassoio, sono pronte per essere farcite.

In una ciotola mescolate 150 g di burro salato con un trito di erbe aromatiche fino a formare una morbida crema. Spalmatela sul pane e, con un coppapasta, date alle tartine la forma che preferite. Se volete dare un tocco di gusto in più, arrotolate 150 g di fettine di prosciutto crudo e adagiatele sul burro. Potete aggiungere anche filetti di acciughe o funghi sottolio e farcire con una fettina di limone.

Formaggio spalmabile e speck per tartine velocissime. Spalmate con un formaggio a vostra scelta 3 grandi fette di pane, spolverizzate con un po’ di pepe nero macinato al momento e tagliate le tartine in quadrati uguali con un coltello ben affilato. Coprite ogni quadratino con una fetta di speck o, in alternativa, bresaola.

Schiacciate 70 g di tonno al naturale, mescolate con 2 cucchiai di maionese allo yogurt e spalmate su 2 fette di pane per tramezzini. Dividetele i tanti triangolini, aggiungete capperi e servite le vostre veloci tartine al tonno che potete farcire con olive verdi denocciolate.

Come fare tartine semplici

Come fare tartine semplici Le tartine semplici si possono preparare in molti modi: fettine di pancarrè, un rotolo di pasta sfoglia pronta, qualche ingrediente semplice e il gioco è fatto.

Fate saltare in padella 2 zucchine tritate grossolanamente con olio e aglio; dividete 1 rotolo di pasta sfoglia in tanti quadratini, mettete al centro un po’ di zucchine, coprite con una fettina di fontina e infornate a 200° per 30 minuti.

Sempre con un rotolo di pasta sfoglia, potete ritagliare dei quadrati, farcire ognuno con 2 fettine di patate fatte bollire in un pentolino in acqua salata e poi coprire con una fetta di scamorza. Infornate a 200° per 3 minuti e le vostre tartine sono pronte.