Come cucinare le lasagne al forno

Galbani
Come cucinare le lasagne al forno
E’ pronto in tavola! E se il menu prevede le lasagne, tutti si precipiteranno in men che non si dica. In qualche secondo saranno già a tavola, tovagliolo sulle gambe, forchetta tra le mani, pronti per una maratona culinaria che non lascerà scampo alla teglia fumante che sta per arrivare!

Le lasagne sono il tipico piatto delle grandi riunioni di famiglia, il loro profumo anticipa un ingresso trionfante e, qualunque sia il condimento, sono sempre una gioia per tutti. Oggi vedremo come preparare le lasagne di pasta fresca, stese a mano in casa; come cucinare quelle di pasta secca, buonissime, che trovate sugli scaffali dei supermercati; inoltre, impareremo la tipica ricetta delle lasagne alla bolognese e qualche variante di sicuro successo.

Come cucinare le lasagne fresche

Come cucinare le lasagne fresche Preparare in casa le lasagne fresche non è impresa impossibile ed è il modo per ottenere un risultato eccellente e vantarsi di avere doti da grandi chef. Oggi vi indicheremo dosi e procedimento per preparare una teglia di lasagne per 6 persone sul piano di lavoro della vostra cucina. Se siete pronti a infarinarvi il naso e a mettere le mani in pasta, cominciamo.

Per la pasta all’uovo vi serviranno: 400 g di farina 00, 4 uova e sale. Setacciate la farina sulla spianatoia e formate la classica fontana. Unite al centro le uova e un pizzico di sale, e sbattetele con la forchetta, incorporando man mano un po’ di farina. Quindi, lavorate con le mani fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo. Dategli la forma di una palla, coprite con un canovaccio di lino e lasciate riposare per 30 minuti. Trascorso il tempo necessario, riprendete l’impasto, spolverizzatelo con un po’ di farina e iniziate a lavorarlo con il matterello, stendendolo dal centro verso l’esterno e ruotando la sfoglia ogni tanto. Quando la sfoglia inizia a essere sufficientemente sottile, partendo da un lembo, avvolgetela sul matterello. Quindi stendetela nuovamente sulla spianatoia. Continuate così fino a ottenere una sfoglia spessa circa 3 mm. Al termine dell’operazione, tagliate la sfoglia in tante lasagne rettangolari di circa 14x10 cm, lessatele per 1-2 minuti in una pentola con acqua bollente leggermente salata, scolatele, passatele in una ciotola di acqua fredda e stendetele ad asciugare su un canovaccio, avendo cura di non sovrapporle troppo. Velate la pirofila con un po' di condimento, sistemate uno strato di lasagne, coprite con altro condimento e alternate così gli starti fino all’esaurimento degli ingredienti.

Quindi, ricordatevi sempre che se vi dedicate anche alla preparazione della pasta delle lasagne, dovrete sbollentarle in acqua prima di comporre la golosa teglia che in questa ricetta è arricchita dal sapore di funghi e dalla Mozzarella Santa Lucia, che potete sostituire con una golosa scamorza affumicata per dare più corpo al sapore del piatto.

E le ricette per questa composizione sono infinite, prima fra tutte quella che le condisce con il ragù.

Come cucinare le lasagne secche

Come cucinare le lasagne secche Le lasagne secche, a differenza di quelle impastate a mano, possono essere sistemate nella pirofila senza una precedente sbollentatura in acqua. Hanno bisogno, tuttavia, di un condimento molto sugoso e umido che venga assorbito dalla pasta porosa e che ne permetta la cottura in forno. Sono davvero molto pratiche e buone e si adattano a moltissime ricette come un goloso pasticcio di lasagne al sapore di asparagi oppure come queste gustose lasagne sistemate in un guscio di pelati che conferisce al piatto la giusta umidità per la cottura ottimale della pasta.

Per prepararle vi serviranno: 500 g di lasagne secche; 250 g di besciamella; 2 lattine di pomodori pelati da 400 g; 1 cespo di scarola; 300 g di salsiccia; ½ bicchiere di vino bianco; 100 g di parmigiano grattugiato; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

Tagliate la salsiccia a tocchetti e fatela rosolare in una padella con poco olio. Bagnate con ½ bicchiere di vino e fate sfumare. Aggiungete la scarola tagliata a listarelle, e lasciate insaporire per qualche minuto. Scolate i pelati, salateli, pepateli e tagliateli a metà. Foderate il fondo e i bordi della pirofila con i pelati in modo da formare una sorta di guscio. Distribuite uno strato di lasagne, continuate con un po’ di besciamella e proseguite con le salsicce e la scarola. Terminate con altre lasagne e ripetete la sequenza degli strati fino a esaurire gli ingredienti, terminando con salsicce e scarola. Spolverizzate il parmigiano, mettete in forno già caldo a 180° e fate cuocere per circa 25 minuti. Sfornate, lasciate intiepidire per 5 minuti, portate in tavola e servite.

Se vi piacciono le verdure, potete preparare delle lasagne con melanzane, basilico e pomodoro. Una ricetta golosa, adatta a qualsiasi occasione.

Vi serviranno: 500 g di lasagne; 1 kg di pelati; 600 g di melanzane; 200 g di ricotta; 1 spicchio d’aglio; basilico; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

Scaldate un filo d’olio in una casseruola con lo spicchio d’aglio, eliminatelo e aggiungete i pelati; schiacciateli con una forchetta e fate restringere per qualche minuto. Regolate di sale e profumate con un po' di basilico e una spolverizzata di pepe nero. Lavate le melanzane, spuntatele e tagliatele a fette sottili. Spennellatele con un po’ di olio e fatele cuocere su una piastra rovente per 2 minuti per lato. Velate una pirofila con un po’ di salsa, distribuite uno strato di lasagne, coprite con altra salsa e continuate con le melanzane e la ricotta. Ripetete la sequenza degli strati fino a esaurire gli ingredienti e infornate a 180° per 30 minuti. Sfornate, decorate con qualche fogliolina di basilico fresco, lasciate riposare e servite.

E se vi piacciono le zucchine, quest'altra ricetta delle lasagne vegetariane è quello che fa per voi!

Come cucinare le lasagne al microonde

Come cucinare le lasagne al microonde Il microonde è uno strumento molto valido per preparare le lasagne perché i tempi di cottura vengono ridotti notevolmente, con un conseguente risparmio di tempo che vi permetterà di dedicarvi alle altre pietanze del vostro menu. Le lasagne al microonde si cuociono per soli 7-8 minuti a 650 Watt.

Vi proponiamo delle golosissime lasagne da gustare nella stagione autunnale, accompagnate dal sapore delicato della zucca.

Per questa ricetta vi serviranno: 500 g di lasagne fresche sbollentate; 250 g di carne macinata di maiale; 500 g di salsicce; 600 g di zucca; 200 g di ricotta; 2 spicchi d’aglio; 1 ciuffetto di prezzemolo; 100 ml di vino bianco; parmigiano grattugiato o pecorino; olio extravergine d’oliva; sale.

Rosolate 1 spicchio d’aglio con 2 cucchiai di olio per 1-2 minuti a 650 Watt. Aggiungete la carne macinata e le salsicce schiacciate con la forchetta e fate andare per 3-4 minuti alla stessa potenza. Bagnate con il vino e poi lasciatelo evaporare a 500 Watt per 4 minuti. Aggiungete un pizzico di sale e metà del prezzemolo tritato. Unitevi 300 g di zucca tagliata a fette sottili con ½ bicchiere d’acqua e fate andare per 8-10 minuti a 650 Watt. Rosolate l’altro spicchio d’aglio con 2 cucchiai di olio per 2 minuti alla stessa potenza, aggiungete la zucca restante, precedentemente tagliata a cubetti piccoli. Cuocete per 4-6 minuti a 500 Watt finché la zucca non abbia assunto una consistenza cremosa. Salate e mescolatevi il prezzemolo rimasto. Frullate metà del composto, amalgamatelo alla parte non frullata, aggiungendo anche la ricotta. Componete la teglia di lasagne spalmando uno strato di composto sul fondo unto con poco olio, e terminate con uno strato di composto spolverizzando la superficie con abbondante formaggio. Cuocete in forno microonde per 7-8 minuti a 650 Watt e le vostre lasagne al microonde sono pronte per essere gustate. Lasciatele riposare per qualche minuto prima di servirle e otterrete un enorme successo alla vostra tavola.

Per una versione alternativa, potete preparare la stessa ricetta anche utilizzando i cannelloni di pasta secca per servirli ripieni di un cuore di zucca sfizioso.

Come cucinare le lasagne alla bolognese

Come cucinare le lasagne alla bolognese La ricetta emiliana delle lasagne alla bolognese, dal gusto inconfondibile, è tra i primi piatti che hanno reso celebre la cucina italiana. Una ricetta che si tramanda da generazioni e occupa il posto d’onore sulla tavola delle feste.

Per preparare l’impasto delle classiche lasagne alla bolognese, vi serviranno: 400 g di farina, 4 uova e sale.

Per il condimento, gli ingredienti saranno: 500 g di polpa di manzo; 150 g di polpa di maiale; il fegato e il ventriglio di un pollo; 50 g di pancetta; 2 coste di sedano; 1 carota; 1 cipolla; 500 ml di passata di pomodoro; 1 bicchiere di latte; olio extravergine d’oliva; 500 ml di besciamella; 200 g di parmigiano grattugiato; burro; sale e pepe.

Su una spianatoia, impastate la farina con le uova e aggiungete un pizzico di sale. Lavorate fino a ottenere un impasto sodo ed elastico, coprite con un canovaccio e fate riposare. Nel frattempo, preparate il ragù di carne: tritate finemente sedano, carota e cipolla, poi soffriggeteli in padella con 4-5 cucchiai di olio per qualche minuto, unite la pancetta a dadini e continuate la cottura per 2 o 3 minuti. Tritate finemente la polpa di manzo e quella di maiale mantenendole separate; aggiungete prima quella di maiale, cuocete per 5 minuti e versate in padella il fegato e il ventriglio di pollo spezzettati. Incorporate la polpa di manzo e proseguite la cottura per mezz’ora. Allungate il sugo con il latte, lasciate ritirare, poi unite la polpa di pomodoro e un bicchiere d’acqua tiepida. Regolate di sale e pepe e cuocete per un’ora e mezza a tegame coperto e a fuoco bassissimo. Nel frattempo, tirate una sfoglia di circa 2 mm e ritagliate grandi rettangoli che sbollenterete per pochi minuti in acqua salata; passateli in acqua fredda per fermare la cottura e sistemateli ad asciugare su un canovaccio. Ungete una teglia con una noce di burro e componete il piatto disponendo sul fondo uno strato di ragù, uno di pasta, la besciamella e il parmigiano grattugiato; proseguite allo stesso modo fino ad esaurimento degli ingredienti. Infornate a 180° per circa un’ora, lasciando riposare le lasagne per qualche minuto prima di portarle in tavola.

Nella ricetta delle lasagne alla bolognese che vi proponiamo, la pasta è preparata con il classico impasto all’uovo e il condimento arricchito da una gustosa mozzarella.

Come cucinare le lasagne al pesto

Come cucinare le lasagne al pesto Le lasagne al pesto portano nel piatto l’unione perfetta tra un formato di pasta ineguagliabile e un ingrediente che fa parte di una folta schiera di alimenti di cui la nostra cucina può vantarsi. Il pesto alla genovese è una salsa dal profumo inebriante che, se preparata con le foglie del basilico di Pra’, un quartiere genovese conosciuto proprio per la vasta produzione di questa pianta, vi assicurerà un piatto sublime.

Preparate l’impasto delle lasagne fresche come da ricetta e lasciatelo riposare. Nel frattempo, dedicatevi al condimento per cui vi serviranno: 200 g di foglioline piccole di basilico genovese; 60 g di parmigiano grattugiato; 20 g di pecorino fiore sardo grattugiato; 1 cucchiaio di pinoli già pelati; 1 spicchio d’aglio; olio extravergine d’oliva; sale grosso.

Lavate e asciugate il basilico. Private l’aglio dell’eventuale parte verde interna, mettetelo in un mortaio e pestatelo con un pestello. Aggiungete il basilico e qualche grano di sale grosso e continuate a lavorare con un delicato movimento rotatorio. Quando le foglie inizieranno a rilasciare i succhi, aggiungete i pinoli e continuate a lavorare. Aggiungete i formaggi e l’olio, versandolo a filo, e lavorate fino a ottenere un pesto della giusta consistenza. Trascorso il tempo necessario per il riposo (mezz’ora circa), riprendete l’impasto, stendetelo in una sfoglia molto sottile e ritagliate tante lasagne dalle dimensioni di un piccolo fazzoletto. Stendetele su un canovaccio, infarinatele leggermente e lasciatele riposare per una decina di minuti. Lessate le lasagne, poche per volta, in abbondante acqua bollente leggermente salata, con un filo d’olio. Man mano che sono pronte, scolatele in un tegame e conditele con abbondante pesto. Portate in tavola e servite.

Niente forno per questa preparazione, ma un sapore unico, intenso, corposo e avvolgente che profuma di fresco e di primavera.

Questa lasagna alla ligure, invece, in cui il pesto è accompagnato da fagiolini e Galbanino grattugiato, deve essere infornata fino a quando il grill creerà sulla superficie una crosticina croccante e dorata per una versione golosa di questo piatto buonissimo.

Come cucinare le lasagne verdi

Come cucinare le lasagne verdi Le lasagne verdi sono un modo per portare in tavola brio e colore in una seppur sempre classica ricetta che porta in tavola un piatto arricchito da condimenti irresistibili. Il colore della pasta si trasforma grazie alle verdure che, come in questa ricetta, si amalgamano all’impasto, conferendogli sfumature e gusto straordinari. Condite con asparagi, besciamella e fiori di zucca, saranno un tributo alla primavera.

Per realizzare l’impasto delle lasagne vi serviranno: 100 g di farina; 50 g di semola; 1 uovo; 100 g di purea di spinaci; sale. Setacciate le farine sulla spianatoia e formate la classica fontana; unite al centro l’uovo, un pizzico di sale e la purea di spinaci. Dategli la forma di una palla, coprite con un canovaccio di lino e lasciate riposare per mezz’ora.

Nel frattempo, dedicatevi al gustoso condimento per cui vi serviranno: 1 mazzetto di asparagi; 12 fiori di zucca; 50 g di besciamella; 80 g di parmigiano grattugiato; 30 g di burro; 1 cipolla tritata; 2 g di pistilli di zafferano; 100 ml di vino bianco; 100 ml di panna; sale.

Sciacquate i fiori di zucca, asciugateli con un foglio di carta assorbente, apriteli ed eliminate il pistillo centrale. Mondate gli asparagi, legateli a mazzetto, disponeteli in piedi nell’apposita asparagera e lessateli al dente in acqua leggermente salata, avendo cura di lasciare le punte fuori dall’acqua. Scolateli, lasciateli raffreddare e tagliateli a tocchetti. Metteteli da parte e preparate la salsa. Fate cuocere la cipolla in una casseruola con il burro. Unite lo zafferano e stemperatelo. Sfumatelo con il vino, versate la panna, aggiustate di sale e fate restringere per qualche minuto. Lessate le lasagne in acqua salata per 1-2 minuti. Man mano che sono pronte, scolatele, passatele in una ciotola con acqua fredda e stendetele ad asciugare su un canovaccio.

Velate una pirofila con un po’ di besciamella profumata alla noce moscata e disponete uno strato di lasagne verdi, coprite con altra besciamella, continuate con gli asparagi e i fiori di zucca e ripetete la sequenza fino a esaurimento degli ingredienti, terminando con la besciamella. Spolverizzate di parmigiano, aggiungete qualche fiocchetto di burro e infornate a 180° per 20-25 minuti. A fine cottura, lasciate riposare le lasagne per qualche minuto e impattatele coprendole con un velo di salsa allo zafferano.

Come cucinare le lasagne bianche

Come cucinare le lasagne bianche Le lasagne bianche vengono preparate con una base di immancabile e insostituibile besciamella che accompagna condimenti diversi che escludono, ovviamente, la presenza di sugo, ragù o pomodori.

Sfiziose e dal gusto sempre diverso, sono particolarmente indicate per pranzi primaverili o estivi perché, se arricchite da verdure di stagione, sono un piatto davvero straordinario. Potete prepararle, ad esempio, con carciofi e mozzarella, un piatto delicato, adatto a un pranzo all’aperto.

Una ricetta che sicuramente conquisterà il favore di tutti farcisce le lasagne con bietole, prosciutto cotto, primosale e nocciole che assicurano un contrasto di consistenza molto particolare.

Usate le lasagne fresche e preparatele come indicato nella ricetta classica, quindi cuocetele per 1-2 minuti in acqua bollente salata, mettetele in una ciotola con acqua fredda per bloccare la cottura e lasciatele asciugare su un canovaccio. Nel frattempo, dedicatevi al condimento per cui vi serviranno: 250 g di bietole; 4 cipollotti; 100 g di prosciutto cotto affettato sottile; 300 g di primosale; 350 g di besciamella; 50 g di nocciole sgusciate; parmigiano reggiano grattugiato; olio extravergine d’oliva; sale e pepe. Lavate la verdura, asciugatela e tagliatela a listarelle. Mondate i cipollotti, tagliateli a rondelle e fateli appassire in una padella con 1 filo d’olio. Aggiungete la bietola e proseguite la cottura per 5 minuti. Aggiustate di sale, profumate con una macinata di pepe e mettete da parte. Velate una pirofila con uno strato di besciamella, disponete uno strato di lasagne, coprite con altra besciamella e proseguite con uno strato di bietola, con il prosciutto e con un po’ di primosale spezzettato. Ripetete fino a esaurire gli ingredienti terminando con una spolverizzata di parmigiano e di nocciole. Infornate a 180° e fate cuocere per 20 minuti. Lasciate riposare le lasagne fuori dal forno, profumatele con qualche fogliolina di timo fresco e servite.

Come cucinare le lasagne ai frutti di mare

Come cucinare le lasagne ai frutti di mare Ebbene sì, esistono anche le lasagne di pesce: ecco che il pesce diventa protagonista e porta in tavola tutto il profumo dell’estate e del mare. I frutti di mare, che in questo caso sono delle coloratissime capesante, si accompagnano ai gamberi e agli asparagi per condire le lasagne da portare in tavola in occasione di un pranzo organizzato sotto il portico della casa al mare.

Vi serviranno: 500 g di lasagne; 100 g di pomodori; 120 g di punte di asparago già lessate al vapore; 100 g di patate già sbucciate; 80 g di gamberi; 100 g di capesante; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

Preparate le lasagne fresche, perché questa ricetta non prevede la cottura in forno, quindi lessatele e lasciatele asciugare sul canovaccio.

Affettate le patate sottili e cuocete al vapore. Raccogliete metà degli asparagi nel bicchiere di un mixer, unite le patate e i pomodori privati dei semi e frullate fino a ottenere una crema. Sgusciate gamberi e capesante e fateli saltare per pochi minuti in padella con un pizzico di sale. Componete le lasagne nei piatti individuali alternando una lasagna, un po’ di salsa, qualche punta di asparago intera, gamberi e capesante, fino ad esaurimento degli ingredienti. Condite con un filo d’olio crudo e servite.

Cucinare le lasagne il giorno prima

Cucinare le lasagne il giorno prima Lasagne, pasta al forno, cannelloni e parmigiana di melanzane: sono questi i piatti che, se preparati in anticipo, possono addirittura risultare più buoni!

Se volete avvantaggiarvi per il pranzo della domenica, per cui avete previsto di preparare anche deliziosi crostini di pane come antipasto, polpette al sugo e arrosto come secondo, contorni di broccoli, patate, peperoni e, per dessert, una golosa torta con panna e cioccolato, potete dedicarvi al piatto forte del menu anche il giorno prima.

Dopo aver sfornato le lasagne, dovete farle riposare e raffreddare completamente. Quindi, lasciandole nella loro teglia, potete coprirle con un foglio di alluminio o con la pellicola trasparente, e riporle in frigo fino al giorno dopo. In questo modo, non solo avrete risparmiato tempo e la domenica non dovrete puntare la sveglia all’alba per approntare tutto, ma porterete in tavola un piatto che sprigionerà tutti i suoi aromi e dal sapore ancora più intenso e deciso. Gli ingredienti e la pasta avranno avuto modo di riposare e amalgamarsi bene tra loro, vi basterà riscaldare la teglia in forno per qualche minuto a non più di 140° e il vostro primo arriverà in tavola caldo e buonissimo!