Come cucinare il bulgur

Galbani
Il bulgur è un alimento dalle origini antiche, diffuso soprattutto nella cucina del Medio Oriente già all'epoca dei Babilonesi e degli Ittiti. Questo prodotto è costituito da frumento integrale, cucinato seguendo una particolare tipologia di lavorazione e di cottura. I chicchi di grano duro germogliato, infatti, vengono cotti al vapore e fatti seccare. Dopo, invece, viene macinato grossolanamente o spezzettato in parti (in italiano, infatti, è denominato anche grano spezzato). Come tutti i cereali, può essere cucinato in tantissimi modi sia con le verdure che con il pollo, per esempio, e può anche essere preparato al forno.

Scoprite, allora, come utilizzarlo in insalate, minestre e fantastici primi piatti.

Come cuocere il bulgur

Come cuocere il bulgur Se vi piacciono molto i sapori etnici, dovete sicuramente assaggiare il bulgur. Anche se molti lo confondono con il cous cous, in realtà per consistenza e gusto è decisamente differente. Può essere cotto in modi diversi, a seconda se sia precotto o meno, in modo molto facile e veloce.

In generale i chicchi di grano duro possono essere cotti al vapore e poi essiccati. In quel caso, sono precotti e per questo motivo per prepararlo basta far bollire l’acqua (considerando il doppio del peso del bulgur che volete preparare, circa 50-60 g di bulgur a porzione). Dopo che l’acqua ha raggiunto l’ebollizione, versate il bulgur ancora asciutto in una ciotola e ricopritelo con l’acqua calda, mettendolo così in ammollo, con 1 pizzico di sale. Lasciatelo riposare per circa 20 minuti, il tempo che occorre affinché il bulgur assorba tutta l’acqua, e conditelo come preferite, aggiungendo verdure per farne una buonissima insalata, o aggiungendolo a minestre, se preferite un primo piatto. Il bulgur, infatti, può essere preparato proprio come se fosse un risotto, soltanto sostituendo il riso con questo cereale a base di frumento.

In alternativa, però, il bulgur può essere anche preparato spezzettando i chicchi di grano duro a freddo, ossia senza la fase di cottura al vapore. In quel caso, considerate sempre circa 50-60 g a testa e poi mettetelo a bollire in acqua bollente, con 1 pizzico di sale, per circa 20 minuti. Sicuramente i chicchi precotti sono più facili e veloci da preparare, ma la qualità preparata a freddo conserva tutte le caratteristiche del cereale. Solitamente, inoltre, è preferibile utilizzare il bulgur “a crudo” per preparare un brodo vegetale e zuppe, perché i pezzetti sono più grandi e sono più saporiti in questo tipo di preparazione. Utilizzate, invece, il bulgur precotto, e quindi più sminuzzato, per preparare un’insalata o per un piatto unico a base di carne o verdure, condito con erbe aromatiche e spezie.

Se volete preparare il bulgur in maniera molto semplice e gustosa, e soprattutto utilizzando una versione completamente vegetariana, innanzitutto mettete a scaldare 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva in una padella antiaderente e preparate un soffritto. Quindi, soffriggete 2 spicchi d’aglio e, una volta raggiunta la doratura, aggiungete mezza cipolla tritata a pezzetti, 1 carota tagliata a rondelle, 4-5 pomodorini crudi, 4-5 funghi e tutte le verdure di stagione che preferite. Lasciatele soffriggere e aggiungete circa 3 mestoli di brodo vegetale. Quando le verdure si saranno molto ammorbidite, aggiungete il prezzemolo fresco, sale e pepe. Mettete il bulgur in ammollo nel brodo con le verdure e lasciatelo riposare fino al totale assorbimento del liquido. Coprite con un coperchio per almeno 20-25 minuti e per un gusto molto più deciso e orientale, aggiungete dello zenzero fresco.

Il bulgur, oltre che con i metodi descritti in precedenza, può essere preparato anche utilizzando tutta la comodità del forno al microonde. In una ciotola versate 170 g di bulgur e 400 ml di acqua fredda. Cuocete per 2 minuti alla massima temperatura, poi, mescolate accuratamente con un mestolo di legno, facendo attenzione a non scottarvi e lasciate riposare il bulgur, coperto, per circa 6-7 minuti. Poi, utilizzatelo come preferite, seguendo soltanto la vostra fantasia.

Come si cucina il bulgur

Come si cucina il bulgur Nella cucina mediorientale, il bulgur è molto utilizzato e versatile. Si presta, infatti, alla preparazione di tantissimi piatti e ricette. Se è anticipatamente cotto al vapore, essendo precotto, i tempi di cottura sono molto ridotti, altrimenti se i chicchi di grano non sono germogliati, dovete considerare almeno 20 minuti per la bollitura.

Se utilizzate la versione cruda, in cui ogni chicco di grano conserva anche parte della crusca, potete cuocere il bulgur utilizzando la tecnica del pilaf, con una parte di bulgur e due parti e mezza di acqua. Realizzarla è davvero molto semplice. Preparate una pentola abbondante di acqua bollente. Spegnete il fornello e versate il bulgur crudo, coprendolo, poi, con un coperchio. Dopo circa 20 minuti, scolatelo e strizzatelo in un canovaccio pulito. Questa tecnica, utilizzata molto anche nella cucina turca, può essere impiegata non solo per il bulgur, ma anche per altri cereali, come il riso, l’orzo e il farro. Il bulgur cotto in questo modo, si presta alla preparazione di tanti piatti vegetariani come insalate fredde, condite con tanti tipi di verdure di stagione, grigliate o cotte al forno.

Per preparare una buonissima insalata di bulgur, iniziate sciogliendo una bustina di zafferano in 3 cucchiai abbondanti di brodo vegetale bollente. Cuocete 200 g di bulgur per circa 10 minuti in acqua bollente, o per un risultato più saporito, in 3 bicchieri di brodo. Quando il bulgur, bollito, avrà assorbito tutto il brodo, mettetelo da parte e iniziate a preparare le verdure.

Tritate finemente 1 cipolla e, a pezzetti piccoli, 2 peperoni, 2 zucchine, 4-5 pomodorini di tipo pachino, 2 melanzane e 2 carote. In una padella antiaderente, fate scaldare 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva e saltate tutte le verdure appena tagliate, a fiamma alta, per qualche minuto, in modo da ottenere delle verdure molto croccanti. Aggiungete del succo di limone, coriandolo, curcuma, sale e pepe. In una ciotola capiente, mettete il bulgur e conditelo con tutte le verdure saltate in padella. Spolverizzate con prezzemolo fresco e mandorle tritate. Se vi va, aggiungete anche una spolverizzata di pepe nero e qualche foglia di menta fresca. Servite quando l’insalata si sarà completamente raffreddata.

Se non avete molto tempo per preparare un’insalata di bulgur con tante verdure grigliate, potete facilmente preparare l’insalata di ceci e bulgur. Lavate e sbucciate 2 carote e tagliatele a rondelle, poi fate lo stesso con dei pomodorini crudi. Conditeli con un po’ di olio extravergine d’oliva, sale e rosmarino. Se utilizzate dei ceci secchi, mettetene 300 g in ammollo il giorno prima e poi in seguito lessateli in abbondante acqua salata, fino a quando non saranno cotti, più o meno dopo circa un’ora di cottura. Se invece utilizzate i ceci in scatola, lavateli sotto l’acqua corrente fredda e uniteli agli altri ingredienti, aggiungendo sale, una spolverizzata di pepe e del prezzemolo fresco.

Nel frattempo, iniziate a preparare il bulgur. Una volta pronto, aggiungetelo alle verdure preparate in precedenza. Per un gusto più deciso, aggiungete anche metà cipolla cruda tagliata a rondelle sottili. Amalgamate bene il tutto e aggiustate di sale e olio. Oppure condite con 4-5 cucchiai di pesto al basilico.

Il bulgur con verdure è buono anche in sostituzione della quinoa per realizzare delle fantastiche polpette, da cuocere in forno, perfette da aggiungere ad altri antipasti o come secondo piatto, con l’aggiunta di tanti contorni diversi.

Cuocete il bulgur, seguendo le indicazioni sulla confezione e lasciatelo riposare per qualche minuto. Bollite 2-3 patate, di media dimensione, con 2 carote grandi. Lavatele e spellatele accuratamente, poi, schiacciatele con l’aiuto di una forchetta o di uno schiacciapatate. Al composto di carote e patate, aggiungete il bulgur, preparato in precedenza, con formaggio grana, sale, peperoncino e un filo d’olio extravergine d’oliva.

In una terrina, impastate accuratamente il bulgur con le verdure, in modo da ottenere un impasto omogeneo. Aggiungete anche 2 uova, se volete ottenere un impasto più compatto e uniforme. Con le mani, create delle piccole palline di impasto, cospargetele di pangrattato e disponetele su una teglia, rivestita da carta forno. Infornate le polpette, disposte distanti l’una dall’altra, a circa 180°. Controllate spesso la cottura: sono pronte quando saranno perfettamente dorate in superficie. Da contorno, non può mancare un mix di verdure. Provate con piselli e patate, saltate in padella con una noce di burro, o fughi trifolati. Piaceranno sicuramente anche ai bambini*.

*sopra i 3 anni

Come cucinare il bulgur di soia

Come cucinare il bulgur di soia Anche il bulgur di soia è una valida alternativa, quando a tavola, si ha voglia di cambiare e si desidera un alimento diverso. Per il gusto delicato e saporito, infatti, il bulgur si presta a tantissime ricette, sia di carne che di pesce. Cucinare il bulgur di soia è davvero molto semplice e veloce. Mettete il bulgur in ammollo per circa 10 minuti, poi cuocetelo in abbondante acqua salata, per circa 15 minuti, consultando attentamente le indicazioni sulla confezione. Solitamente, si considera, per la quantità d’acqua, il doppio del peso del bulgur che volete utilizzare nella vostra ricetta.

Per preparare un risotto di bulgur di soia e piselli, mettete 250 g di bulgur in ammollo in 500 g di acqua bollente. Poi, in una padella antiaderente fate scaldare 1 cucchiaio d’olio, a temperatura media. Fate soffriggere 1 cipolla tritata finemente e 1 spicchio d'aglio. Aggiungete il bulgur al soffritto e lasciatelo rosolare. Unite, poi, 2 mestoli di brodo vegetale. Portate tutto a ebollizione, cuocendo fino a quando il brodo non sarà stato completamente assorbito. Aggiungete ogni tanto qualche cucchiaio di brodo, per far sì che il bulgur abbia una consistenza cremosa. Aggiungete 200 g di piselli e cuocete per 20 minuti, aggiustando di sale e pepe. Se volete un risotto più cremoso, non rinunciate ad aggiungere una grattugiata di formaggio o una noce di burro. Lasciate mantecare per altri 2 minuti e poi servite quando è ancora caldo.

Come cucinare bulgur con quinoa

Come cucinare bulgur con quinoa A differenza di quello che si potrebbe pensare, visto l’aspetto e la consistenza, la quinoa non è un cereale, bensì uno “pseudo-cereale”, che si avvicina di più alla famiglia degli spinaci e delle barbabietole. Anche questo è un alimento ricco di gusto, che può essere preparato in tanti modi e versioni, e si presta tantissimo all’abbinamento con il bulgur, soprattutto per cucinare minestroni, zuppe e insalate.

Per preparare il minestrone di bulgur e quinoa, iniziate mettendo 150 g di ognuno in ammollo per circa 10 minuti, in acqua calda. Poi, preparate le verdure. Lavate sotto l’acqua corrente fredda 3 patate di media grandezza. Togliete la buccia e tagliatele a pezzetti, grossolanamente. Se vi piacciono, aggiungete anche 200 g tra piselli e fagioli. Se li scegliete freschi, sgranateli e sbollentateli per qualche minuto. Oppure, in alternativa, scegliete quelli in scatola, basta lavarli sotto l’acqua corrente. Lavate e pelate 2 carote grandi, la costa di 1 sedano e pelate e affettate anche 1 cipolla. Poi, togliete la buccia, i filamenti e i semi di metà zucca, circa 250 g, e tagliatela a cubetti di circa 2-3 cm di spessore.

Da parte, preparate anche delle erbe aromatiche: prezzemolo, basilico e alloro per insaporire il piatto. In un pentolino, scaldate circa 1 l di brodo vegetale e tenetelo da parte, perché servirà durante la preparazione del minestrone. In una padella, fate scaldare 2 cucchiai di olio, 1 spicchio d’aglio e un quarto di cipolla, tritata finemente. Togliete l’aglio, quando avrà raggiunto un colore dorato, e mettete a cuocere tutte le verdure, aggiungendo, durante la cottura, 2 mestoli di brodo vegetale. Al minestrone, aggiungete tutti gli aromi che avrete preparato, salate e pepate e lasciate cuocere per circa 25 minuti, a fiamma dolce. Dopo, aggiungete il bulgur e la quinoa e cuocete per altri 20 minuti circa.