Come cucinare i lupini

Galbani
Come cucinare i lupini
Cucinare i lupini vi ha sempre incuriosito, ma non sapete da dove cominciare? Avete trovato la guida giusta per ogni preparazione a base di questi legumi!

Non vi preoccupate, se non volete perdere tempo con l'ammollo e la bollitura, qui trovate tante ricette veloci con i lupini sottovuoto già cotti. Anche se poco conosciuto, il lupino è un ingrediente molto gustoso in cucina, con cui arricchire il sapore di zuppe, minestre di verdure e insalate. Frullato potete utilizzarlo per la preparazione di burger di legumi, polpette, creme e vellutate. Scoprite subito le ricette migliori con questi legumi!

Come cucinare i lupini freschi

Come cucinare i lupini freschi Solitamente i lupini si acquistano in salamoia oppure in confezioni sotto vuoto già cotti e salati. Il seme fresco della pianta, il lupinus, è raro da trovare in commercio perché contiene la lupanina, una sostanza che conferisce un sapore amaro a questo legume. I lupini freschi, quindi, possono essere consumati solo dopo un trattamento in grado di addolcirne il sapore. Quelli venduti alle bancarelle delle sagre paesane hanno già subito questo trattamento, per questo potete consumarli come uno snack veloce, ma gustoso.

La bollitura quindi, vi aiuterà a togliere l'amaro dal lupino. Prima tenete i legumi in ammollo per 3 giorni in acqua e sale. Per le dosi da utilizzare, calcolate 500 ml di acqua e 30 g di sale ogni 200 g di lupini secchi. Cambiate l'acqua ogni giorno per eliminare del tutto il sapore amaro e aggiungete di nuovo la quantità di sale necessaria. Risciacquate poi i lupini e trasferiteli in una pentola. Aggiungete acqua fredda fino a coprirli e fate bollire per mezz'ora a fuoco lento. Scolate i legumi e risciacquateli sotto l'acqua corrente. A questo punto potete usare i lupini come qualsiasi altro legume: potete aggiungerli in insalate, zuppe, minestre oppure condirli a crudo con olio extravergine d'oliva e sale.

Se preferite consumare i legumi freschi, procedete prima con l'essiccazione. In estate, potete essiccare i legumi con dei setacci, delle reti o dei teli puliti stesi al sole. Sgranate i lupini e spargete i legumi sulla rete o sul tessuto in modo che ci sia una buona traspirazione. Lasciateli seccare completamente all'aria fino a quando la buccia ha assunto un colore opaco.

In alternativa, potete utilizzare un essiccatore elettrico per ridurre i tempi della preparazione. Potete seguire le istruzioni riportate sul manuale di utilizzo per l'impostazione della temperatura e della durata. Se non avete un essiccatore, potete utilizzare il forno elettrico a 50° per circa 4 ore. Stendete i legumi su un foglio di carta forno e ricordate di muovere i lupini di tanto in tanto per eliminare tutta l'umidità.

Volete capire meglio come cucinare i lupini secchi? Leggete il paragrafo successivo, dedicato interamente a questo argomento.

Come cucinare i lupini secchi

Come cucinare i lupini secchi I lupini secchi potete acquistarli al supermercato nel reparto dei legumi e sementi o in negozi specializzati nella vendita di semi, legumi e cereali. Come per ceci e fagioli secchi, è necessario procedere prima con l'ammollo. Alcune varietà di lupini sono molto amare perciò dovrete adottare un semplice procedimento per togliere il retro gusto. Vediamolo insieme, è piuttosto veloce da realizzare.

Immergete i lupini secchi in acqua fredda per 24 ore. Questo passaggio vi aiuterà a rendere più teneri i lupini, a rimuovere eventuali impurità, a ravvivare il colore e addolcire il sapore dei legumi.

Passate alla cottura in una pentola d'acqua fredda per circa 60 minuti a partire dalla bollitura.

Scolate e raffreddate i lupini, poi metteteli di nuovo in ammollo in acqua fresca per 24 ore con 2 cucchiai di sale ogni 500 g di prodotto. Ripetete l'operazione per altri 3 giorni fino a ottenere un gusto piacevole. Assaggiate i lupini, vi sembrano ancora amari? Potete procedere di nuovo con l'operazione.

Adesso i lupini sono pronti per essere consumati. Potete preparare tante ricette veloci e gustose. Ecco qualche ricetta veloce!

Come molti altri legumi, potete mangiare i lupini in zuppe e minestre. Una volta cotti potete sbucciarli e aggiungerli alla vostra zuppa di cereali.
Se cercate un piatto adatto a chi segue una dieta senza glutine, date un'occhiata alla zuppa di quinoa, dove potete sostituire i ceci con i lupini.
Se preferite i gusti cremosi e delicati vi consigliamo di sbirciare due ricette semplici e veloci a base di pesce e legumi: provate la vellutata di ceci e gamberi oppure la vellutata di ceci e baccalà, piatti facili da preparare e dal gusto delicato. Portate in tavola le vellutate con una spolverizzata di pepe nero macinato sul momento e delle fette di pane tostato. In entrambe le preparazioni potete utilizzare i lupini al posto dei ceci.

Vi piacciono le minestre di verdura e legumi? Ecco una ricetta molto gustosa a base di lupini e verdure. Potete preparare questo piatto con verdura di stagione a seconda della disponibilità. In primavera potete usare bietola, carciofi, porri e asparagi, mentre in inverno qualsiasi varietà di cavolo.
Vediamo nel dettaglio la preparazione della minestra di lupini e verza. Per realizzare questo piatto potete utilizzare 200 g di lupini secchi e cuocerli come spiegato a inizio paragrafo.

Lavate e tagliate sottile 200 g di verza; lavate e pelate 1 carota e 1 patata media, e tagliatele a cubetti. Utilizzate poi 1 piccola costa di sedano, 1 carota e 1 cipolla per la preparazione di 1,5 l di brodo vegetale. Fate bollire il liquido per circa 30 minuti insieme alle verdure tagliate a pezzi e tenete in caldo.
Nel frattempo, preparate un soffritto con 1 cipolla tritata e 6 cucchiai d'olio extravergine d'oliva. Se vi piacciono i sapori decisi, aggiungete anche 100 g di pancetta tagliata a listarelle.
Aggiungete la verza, la patata e la carota e fate insaporire alcuni minuti. Salate, bagnate con il brodo e cuocete per 20 minuti a partire dalla bollitura.
Sbucciate i lupini e versateli nella pentola. Tostate delle fette di pane e servite la minestra di lupini ben calda.

Come cucinare i lupini in salamoia

Come cucinare i lupini in salamoia I lupini in salamoia sono molto gustosi e pronti all'uso. Potete sistemarli in barattoli di vetro e usarli all'ultimo minuto per condire insalate, arricchire il gusto di contorni di verdura o semplicemente gustarli durante aperitivi o come snack veloci. Se non sapete come cucinare i lupini in salamoia, di seguito trovate le dosi precise e i tempi di lavorazione.

Partendo da 500 g di lupini secchi potete preparare i lupini in salamoia. Tenete in ammollo in acqua fredda i legumi secchi per 24 ore. Risciacquateli sotto l'acqua fresca e versateli in una pentola capiente riempita d'acqua fredda. Cuocete i legumi per circa un'ora, a metà cottura scolateli e ripetete il procedimento. Così potrete togliere l'amaro dai lupini in modo veloce.
A questo punto, scolate i lupini e teneteli di nuovo in ammollo per 24 ore con un cucchiaio di sale.
Ricordate di cambiare l'acqua una volta al giorno e di aggiungere di nuovo il sale.
Dopo 4-5 giorni potete preparare la salamoia vera e propria. Fate bollire 1,5 l di acqua in una pentola, aggiungete poi il sale. Utilizzate circa 60 g di sale per ogni litro di acqua, aggiungete i lupini e fate cuocere per 5 minuti.

A questo punto i lupini sono pronti per essere consumati. Fateli intiepidire e gustateli al naturale oppure utilizzate questi legumi per la preparazione di ricette veloci e gustose. Qualche esempio? Seguite la preparazione dell'insalata di ceci, potete sostituire questi ultimi con i lupini in salamoia. Scolateli dalla salamoia, risciacquateli sotto l'acqua e uniteli all'insalata.

Volete preparare un pranzo veloce? Ecco una ricetta estiva dal gusto leggero, date un'occhiata all'insalata di riso vegetariana. Potete sostituire i fagioli cannellini con la stessa quantità di lupini in salamoia. Vi basterà passarli un attimo sotto l'acqua prima di unirli al riso.

Avete acquistato dei lupini sottovuoto ma non sapete come cucinarli? Nel paragrafo successivo troverete diverse ricette semplici e gustose.

Come cucinare i lupini sottovuoto

Come cucinare i lupini sottovuoto I lupini sottovuoto sono perfetti per aperitivi veloci fatti in casa. Ma esistono tanti altri modi di gustare questi legumi: potete gustarli al naturale oppure usarli per preparare creme, polpette e gustosi antipasti finger food. Prima di qualsiasi preparazione consigliamo di aprire la confezione e risciacquare i lupini in un colapasta sotto l'acqua corrente. Questo passaggio toglierà il liquido di salatura e renderà i vostri lupini più gustosi. Ma non perdiamo tempo, partiamo subito con qualche ricetta veloce con i lupini sottovuoto.

Mai provato l'hummus di lupini? Potete sostituire i ceci con i lupini per preparare la famosa salsa del Medio Oriente insaporita con l'olio di sesamo, chiamato tahina. Se non avete a disposizione questo ingrediente potete sempre utilizzare 1 cucchiaino di semi macinati mescolati con 4 cucchiai d'olio di girasole. Vediamo la ricetta dell'hummus di lupini e il procedimento per realizzarlo.
Utilizzate 400 g di lupini sottovuoto, il succo di mezzo limone, 1 spicchio d'aglio, 1 pizzico di sale, 5 cucchiai di tahina, 1 ciuffo di prezzemolo fresco, sale e pepe.
Tenete in ammollo i lupini per 2 ore. Sbucciate i legumi e frullate con tutti gli altri ingredienti. Condite con la tahina, una macinata di pepe, un pizzico di sale, il succo di limone e le foglie di prezzemolo. Potete accompagnare questa salsa con dei crostini di pane tostati.

Volete preparare un hamburger di lupini? Provate la ricetta del burger di lupini, patate e spinaci.
Gli ingredienti necessari sono 500 g di lupini cotti, 2 patate piccole, 2 cubetti di spinaci surgelati, 4 panini per hamburger, 4 foglie d'insalata, 1 pomodoro, 40 g di formaggio filante a fette, 2 cucchiai di pangrattato o di farina di mais, maionese o ketchup a piacere, 6 cucchiai d'olio, 1 cucchiaino di paprika, sale, pepe, prezzemolo fresco. Iniziate a sbucciare i lupini cotti uno a uno fino a eliminare tutte le bucce. Questo passaggio sembra lungo e noioso, ma è molto semplice e veloce. Per farlo potete schiacciare leggermente con le dita ciascun legume fino a estrarre il seme dalla buccia. Nel frattempo, lessate e sbucciate le patate e cuocete gli spinaci in acqua bollente salata.

Aggiungete i legumi nel frullatore insieme a patate, spinaci strizzati, olio, paprika, una macinata di pepe, 1 pizzico di sale e 1 ciuffetto di prezzemolo fresco. Frullate il tutto, poi versate l'impasto in una ciotola e create gli hamburger con le mani e passateli nel pangrattato o nella farina di mais.
Scaldate una padella antiaderente con 1 filo d'olio extravergine d'oliva e cuocete gli hamburger 4-5 minuti per lato. Per finire posizionate una fetta di formaggio filante su ogni hamburger.
Tagliate a metà i panini e tostateli nella padella per un risultato croccante. Affettate il pomodoro, lavate le foglie d'insalata e farcite il vostro hamburger di legumi fatto in casa, condito con le vostre salse preferite.

Preferite preparare le polpette di lupini? Aggiungete alla ricetta appena descritta 150 g di ricotta e 1 uovo, mescolate il tutto, aggiungete 2 prese di sale e passate le polpette nel pangrattato. Friggete in abbondante olio di semi caldo e portate in tavola con salse gustose in cui intingere le polpette.
Che ne dite della salsa tonnata? Un abbinamento perfetto per un aperitivo finger food fatto in casa. Con questo piatto farete felici anche i vostri bambini*!
In alternativa, potete preparare un gustoso purè di legumi seguendo la ricetta del purè di ceci. Potete utilizzare i lupini sottovuoto al posto dei ceci. Ricordate di sbucciare i legumi prima di frullare il tutto.

Vi piacciono le ricette con i legumi? Allora potrebbe interessarvi la sezione dedicata a come cucinare i ceci.

*sopra i 3 anni