Come cucinare la quinoa

Galbani
Come cucinare la quinoa
Amici amanti della buona tavola, se siete in cerca di ricette gustose e di un alleato che vi aiuti in cucina dandovi idee sempre diverse, eccovi accontentati: la quinoa è l’ingrediente che fa per voi. La quinoa non fa parte dei cereali, anche se spesso è associata al miglio, al farro o al riso. E’ un seme che si ottiene da una pianta erbacea a foglia larga e che appartiene alla grande famiglia degli spinaci, delle barbabietole e delle bietole. I semi di quinoa vengono raccolti semplicemente scuotendo la spiga quando diventa secca e di solito sono bianchi o dorati, ma possono essere anche rosa, rossi, arancioni, viola o neri. Oggi scoprirete che cosa è, i trucchi per cucinarla e in che modo utilizzarla grazie alla sua versatilità che addirittura, la rende protagonista di buonissimi dolci.

Cottura della quinoa

Cottura Esistono diverse tecniche di cottura ma il modo più semplice di preparare la quinoa è cucinarla come se fosse riso. Una volta cotta, assume una consistenza leggera e soffice oltre che una delicata croccantezza. Il suo aspetto ricorda il cous cous la quinoa è trasparente e il suo gusto delicato richiama un leggero sentore di nocciole.

La sbollentatura è un procedimento molto utilizzato e veloce secondo cui, ad una data quantità di quinoa, corrisponde una precisa quantità di acqua o se preferite, di brodo vegetale. Ricordatevi che il volume della quinoa cotta è quasi il doppio di quella cruda. Per preparare 750 g di quinoa cotta, dovete unire 250 g di quinoa con 500 ml di acqua in una pentola di medie dimensioni. Portate a ebollizione a fuoco medio, quindi riducete al minimo, coprite e lasciate sbollentare per 12-15 minuti o fino a quando il liquido comincia ad assorbirsi. Togliete dal fuoco e lasciate riposare per 2 o 3 minuti se desiderate ottenere una consistenza più al dente; lasciate riposare invece 5 o 6 minuti se cercate una consistenza soffice e leggera. Se dovete utilizzare la quinoa per preparare un dolce o dovete aggiungerla a prodotti da forno, il consiglio è quello di lasciarla riposare per 8 o 10 minuti.

Potete cucinare la quinoa anche con il classico metodo della pasta: riempite d’acqua una grossa pentola e, se lo desiderate, aggiungete il sale. Fate bollire e versate a pioggia la quinoa; lasciate cuocere per 10-13 minuti, scolatela con un colino a maglia fine e rimettetela nella pentola, copritela con il coperchio e lasciatela riposare per 2 o 3 minuti. La quinoa continuerà a cuocersi con il vapore prodotto dall’umidità, acquisendo una consistenza leggera e soffice. Se usate questo metodo di cottura per la quinoa da utilizzare in un’insalata, una volta scolata, risciacquatela sotto l’acqua corrente fredda, scuotete il colino, mettetela in una terrina e mescolatela con una forchetta.

Tra i trucchi meno conosciuti, il metodo che prevede l’utilizzo del thermos: mettete 250 g di quinoa in un thermos da 1 l e aggiungete 500 ml di acqua bollente. Chiudete il thermos e rigiratelo per mescolare la quinoa; lasciate riposare dalle 6 alle 8 ore. Versate la quinoa in una ciotola e mescolatela con una forchetta.

La quinoa può anche essere tostata e utilizzata proprio come la frutta secca nei prodotti da forno come muffin o biscotti. Tostare i semi in una padella antiaderente con un po’ di burro o olio li renderà croccanti, perfetti per condire un’insalata o per unirsi ad un vasetto di yogurt a merenda. Durante la tostatura, potete aggiungere erbe aromatiche essiccate, spezie o sale marino per diversificare il gusto della quinoa e dare un tocco in più al suo sapore. Per tostare la quinoa a secco, risciacquatela per eliminare la saponina, una sostanza che riveste i chicchi e che rilascia un sapore amaro, e mettetela in un canovaccio asciutto che assorba l’umidità. Scaldate una padella antiaderente e aggiungete non più di 60 g di quinoa per volta; tostatela mescolando di tanto in tanto, fino a che non diventa dorata e inizia a scoppiettare. Quindi trasferitela in una ciotola e lasciatela raffreddare. La tostatura nel burro, invece, prevede l’uso del forno: sciacquate la quinoa come descritto, mettetela in una piccola terrina e aggiungete il burro: calcolate un cucchiaio di burro ogni 125 g di quinoa. Stendete un unico strato della miscela in una pirofila da forno con il bordo alto, infornate per 9-12 minuti a 180°, mescolando una o due volte fino a che non diventa croccante. I tempi di conservazione di questo metodo di tostatura sono gli stessi della tostatura a secco.

Ma dopo averla cotta, cosa fare? Ecco qualche idea originale per godere al meglio della bontà di questo alimento.

L'insalata di quinoa

Insalata Raccontando i vari metodi di cottura della quinoa, abbiamo parlato di insalate proprio perché questi semi sono perfetti per crearne di deliziose, mescolando tanti sapori diversi, vegetariani e non. Esistono tante facili ricette e l’insalata di quinoa è una buona idea per un pranzo veloce in ufficio. Ideale anche per un aperitivo tra amici in cui tra finger food, antipasti, torte salate e crudité, una buona insalata è sempre presa d’assalto.

La quinoa è un ingrediente che da poco è arrivato sulle nostre tavole e se volete stupire i vostri ospiti potete pensare ad una ricetta piena di ingredienti originali. Provate ad unire nello stesso piatto quinoa, dentice alla griglia, kiwi e wasabi: vedrete che il risultato sarà l’entusiasmante stupore dei vostri ospiti. Cucinate la quinoa, fatela raffreddare in frigorifero per un paio d'ore e sgranatela delicatamente con una forchetta. In una ciotola a parte, mescolate wasabi in polvere, zenzero, succo di limone e miele d’acacia. Versate il composto sulla quinoa fredda, unite i kiwi a pezzettini e i cetrioli tagliati a rondelle sottili; aggiustate di sale e pepe e amalgamate tutto. Lasciate riposare in frigorifero e nel frattempo, arrostite sulla piastra il filetto di pesce (dentice o altre varietà a vostra scelta). Una volta sfaldato, unitelo alla quinoa, quindi servite la vostra insalata con una bevanda fresca, insaporita da uno spicchio di lime.

Come cucinare la quinoa bianca

Quinoa bianca I tipi di quinoa che si trovano più facilmente sono bianchi, o leggermente dorati, rossi e neri. Possono essere usati per tante ricette anche a seconda dell’impatto cromatico che riescono a dare al piatto. La quinoa bianca accostata a un buon filetto di salmone e condita con una vinaigrette di mostarda allo sciroppo d’acero è un’idea da inserire nel menù dei secondi piatti più originali del vostro personale palmarès. Preparate la quinoa con il metodo della sbollentatura, scolatela e lasciatela raffreddare a temperatura ambiente. Fate attenzione a cuocere la quinoa fino a renderla appena morbida in modo da mantenere ancora un po’ di durezza all'interno. Trasferitela in un piatto e aggiustate di sale e pepe. In un altro piatto sbattete un uovo, aggiustate di pepe e immergete i filetti di salmone, poi scolateli e passateli nel piatto con la quinoa, premendo con le mani per farla aderire bene. In una padella antiaderente, riscaldate un cucchiaio d'olio extra vergine d’oliva e cuocete il pesce da entrambi i lati. Nel frattempo, in una ciotola unite sciroppo d’acero, olio, aceto e mostarda, salate e pepate. In un piatto da portata, distribuite abbondante rucola e adagiatevi il pesce, condite con la vinaigrette e servite. Potete accompagnare il vostro salmone con dei crostini di pane ai cereali tostati e coperti da un velo di burro salato.

Avreste mai pensato di poter preparare delle ottime crocchette con la quinoa? Insieme alle patate creano un boccone perfetto per il piacere del palato di tutti, adulti e bambini*. Lessate le patate e riducetele in purea con una forchetta; nel frattempo, cucinate la quinoa, scolatela e mettetela da parte. Unite la purea alla quinoa e amalgamate. In una padella, lasciate appassire in olio extra vergine d’oliva, cipolla, prezzemolo, timo e aglio. Unite tutto alla quinoa, aggiungete groviera e fiocchi di latte, condite con sale e pepe e formate le crocchette. In una ciotola, sbattete le uova e immergetevi le crocchette; intingetele nel pangrattato, disponetele su un piatto e mettetele in freezer per 15 minuti. Nel frattempo, riscaldate dell’olio di semi in una padella molto capiente e friggetevi le crocchette. Facili da preparare, sono un antipasto perfetto per una cena informale tra amici, proprio come le crocchette con cavolfiore, quinoa e primo sale, deliziose ed invitanti.

* sopra i 3 anni

Come cucinare la quinoa rossa

Quinoa rossa La quinoa rossa, ha un impatto cromatico sui piatti che la contengono: dona una tonalità divertente da portare in tavola per un momento conviviale unico e originale. Le ricette in cui impiegare questo tipo di quinoa, sono moltissime e, per dare vita ad un piatto appagante per la cena di tutti i giorni, si sposa egregiamente con verdure, pesce e frutta. Cuocete la quinoa con il brodo, fate sobbollire per 12-15 minuti, togliete dal fuoco e lasciate riposare con un coperchio per 5 minuti. In una padella, scaldate l’olio, aggiungete il finocchio affettato sottilmente e l’aglio; cuocete per 5 minuti, aggiungete i gamberetti e continuate a cuocere per altri 2 minuti. Unite la quinoa, l’uva sultanina, il cumino, la scorza e il succo di arancia. Cuocete fino a quando i gamberetti diventano sodi e opachi. Servite con una manciata di mandorle in superficie. Riuscite a immaginare i colori speciali di questo piatto?

Perfetta anche come ingrediente di primi piatti buonissimi la quinoa, insieme alla zucca e ai ceci, si lascia mangiare calda e rassicurante in occasione di un pranzo in famiglia, nella tranquillità della casa, in una frizzante giornata d’autunno i cui sapori, uniti a note esotiche, completano il quadro gastronomico. Cuocete la quinoa, scolatela e lasciatela in una ciotola a temperatura ambiente. In una leccarda, unite i pezzetti di zucca e i legumi precotti e scolati, spolverizzate con il curry e condite con olio extra vergine d’oliva, quindi infornate a 150° per 45 minuti, avendo cura di mescolare ogni tanto. Lasciate raffreddare e nel frattempo, in una ciotola unite yogurt e succo di limone, versate tutto sulla quinoa, aggiungete la zucca e mescolate delicatamente. Unite mirtilli rossi, menta, scorza d’arancia, poco olio e continuate a mescolare fino ad amalgamare tutti gli ingredienti. Aggiustate di sale e pepe e sistemate la quinoa in un piatto da portata ricoperto da foglie di crescione.

La quinoa rossa in abbinamento al pesce è l’ingrediente perfetto per un piatto unico; se trovate in pescheria la tilapia, potete preparare un piatto dal sapore molto ricercato. Preparate un intingolo per il pesce con aglio, succo di limone, olio e rosmarino. Lasciate marinare la tilapia o in alternativa il merluzzo, per 15 minuti. Nel frattempo, cuocete la quinoa rossa nel brodo, aspettate che si assorba e spegnete il fuoco; sistemate la quinoa in un piatto da portata e smuovete con una forchetta. Unite un trito di prezzemolo, pomodori secchi e olive; aggiustate di sale e pepe. Grigliate il pesce per 2 minuti su ciascun lato e unitelo alla quinoa, lascerete tutti senza parole. Tra i contorni che meglio si sposano con questi sapori, potete preparare dei fagiolini lessi e ripassati in padella con uno scalogno affettato sottilmente.

Un buonissimo petto di pollo, tagliato sottilmente per preparare deliziosi involtini arricchiti dalla quinoa e dai sapori mediterranei, è il secondo perfetto che mette tutti d’accordo. In questo piatto, la quinoa rossa si abbina benissimo con il colore del pollo e con i colori caldi degli altri ingredienti per un ritorno cromatico di sicuro effetto. Cucinate la quinoa come da copione e trasferitela in una ciotola capiente con aglio, prezzemolo, origano, pomodori secchi, peperoni, olive, e olio; mescolate delicatamente e aggiustate di sale e pepe. Sistemate le fettine di pollo su un tagliare e cospargetele con il misto di quinoa. Partendo dai lati lunghi, arrotolatele e fissatele con gli stuzzicadenti. Cuocete gli involtini di pollo e quinoa in padella con olio extra vergine d’oliva per 5-6 minuti e servite.

Come cucinare la quinoa lessata

Lessata Carne e verdure per un buon piatto caldo di quinoa e la cucina di tutti i giorni si arricchisce di sapori nuovi. Uno spezzatino di manzo e quinoa è uno dei modi per portare in tavola la quinoa lessata. In una padella, cuocete il manzo a fuoco alto, mescolatelo con un cucchiaio per 5-6 minuti; fate scolare tutto il grasso, aggiungete la quinoa, il ribes, il cumino, la cannella e la salsa messicana; riducete il fuoco e fate sobbollire per 5 minuti. Togliete dal fuoco e aggiungete le uova, il coriandolo e le olive. Servite in un grande piatto da portata e mettete al centro del tavolo, ognuno si potrà servire da solo.

Una ricetta facile e veloce unisce salsiccia con pomodorini ciliegino: cuocete la salsiccia in padella, rompetela con un cucchiaio e mettetela da parte. Nella stessa padella, scaldate l’olio, aggiungete i pomodorini e cuocete per 5-6 minuti. Nel frattempo, cucinate la quinoa in una pentola con acqua bollente, lasciandola sbollentare per 12-15 minuti fino a quando il liquido comincia ad assorbirsi. Toglietela dal fuoco, copritela e lasciatela riposare per 2-3 minuti per avere una consistenza al dente. Unite la salsiccia alla quinoa, sfumate con un bicchiere di vino, aggiustate di sale e pepe e servite con una spolverizzata di parmigiano grattugiato e un trito di prezzemolo.

E se vi è piaciuto l’abbinamento con la salsiccia, i broccoletti si aggiungono per un piatto davvero squisito. Tagliateli a pezzettini e sciacquateli. In una padella, cuocete la salsiccia intera e trasferitela su un piatto. Nella stessa padella, unite i broccoletti, l’aglio, il peperoncino piccante e cuocete per 5-6 minuti. Mettete di nuovo la salsiccia nella padella, unite la quinoa lessata, il ribes, la scorza grattugiata e il succo di limone. Mescolate con cura per far amalgamare i sapori e servite il piatto ancora fumante.

Se vi piacciono le omelette farcite, provate quelle con la quinoa, un abbinamento talmente indovinato che lo proporrete molto spesso nel vostro menù, con un succulento contorno di funghi trifolati.

Come cucinare la quinoa in scatola

In scatola La quinoa in scatola o in lattina è una grande comodità per chi, preso dalla fretta di tutti i giorni e immerso nel solito tran tran quotidiano, non ha il tempo per dedicarsi alla cottura o magari è solo colto da un’irrefrenabile pigrizia. Per ovviare a questo problema, i supermercati riempiono i loro scaffali di scatole di quinoa già pronta, un ingrediente pronto all’uso in qualsiasi momento.

Tra le preparazioni più veloci, sicuramente i piatti unici danno molta soddisfazione e mescolare quinoa, lenticchie speziate e uvetta è una delle tante idee originali che questo ingrediente così versatile suggerisce. In una pentola, scaldate uno spicchio d’aglio vestito, con due cucchiai di olio extra vergine d’oliva, aggiungete le lenticchie in scatola, una foglia di alloro e un pomodorino. Salate e fate cuocere per 10 minuti circa. Scolate la quinoa dal suo liquido di conservazione e trasferite le lenticchie in una ciotola, unitele alla quinoa e mescolate; aggiungete qualche foglia di rucola e una manciata di uva passa. In una ciotola, mescolate uno spicchio d’aglio tritato finemente, la paprika, il coriandolo, il cumino, la cannella, l’olio, l’aceto e il miele d’acacia. Versate il composto sulla quinoa e rigirate delicatamente per distribuire bene il condimento. Aggiustate di sale e pepe e servite. Un piatto veloce è vero, ma che non lascia spazio all'approssimazione, curando nei particolari i sapori che si sposano tra loro per portare in tavola tutto il gusto di un ingrediente che oggi va molto di moda.

Come cucinare la quinoa soffiata

Soffiata La quinoa soffiata è, nella maggior parte dei casi, impiegata nelle ricette dei dolci. Per una colazione diversa dal solito o una merenda gustosa, preparate dei biscotti con quinoa soffiata e marmellata che non hanno bisogno della cottura in forno. In un robot da cucina, macinate grossolanamente la quinoa soffiata, fiocchi di cocco, cannella e sale. Preparate una purea con datteri, precedentemente immersi in acqua calda, scorza e succo d’arancia; unite la purea al misto di quinoa e aggiungete del burro di mandorle, mescolando con un cucchiaio di legno. Formate delle palline, disponetele su una leccarda rivestita di carta da forno e, premendo con il pollice, create una piccola fossetta su ciascun biscotto. Coprite con la carta stagnola e fate riposare in frigo per un’ora. Farcite con un cucchiaino di marmellata e i vostri biscotti sono pronti.

Una francesissima ricetta, famosa in tutto il mondo, reinventata con ingredienti nuovi e originali: i macarons alla quinoa si profumano di cocco e mirtilli. Montate a neve gli albumi con lo zucchero a velo. Unite l’estratto di mandorla e, con un leccapentole, incorporate la quinoa soffiata e i mirtilli rossi tagliati in piccoli pezzettini. Con un cucchiaio, fate colare porzioni rotonde di impasto a 5 cm l’una dall’altra su una leccarda rivestita di carta da forno. Infornate a 160° per 20-25 minuti; lasciate raffreddare su una griglia e servite i macarons alla quinoa per un raffinato tè pomeridiano. Inserita tra le ricette di Natale, questa preparazione sarà un regalo originale per i vostri amici.

La quinoa soffiata si rende protagonista anche di buonissime zuppe o minestre come quella con cavolfiori in cui la verdura viene arrostita e poi ripassata in padella con le cipolle. Una volta che le verdure si sono ammorbidite, dovete aggiungere la quinoa soffiata, acqua e sale, portando a ebollizione. Con un frullatore a immersione, riducete tutto in purea, aggiustate di sale e pepe e servite un piatto che inserirete nel ricettario delle vostre ricette facili vegetariane.

Polpette e hamburger di quinoa

Polpette Il classico hamburger di manzo si trasforma e si racconta in una veste totalmente diversa. Riunite in una pentola la quinoa con acqua e salsa barbecue, portate a ebollizione e poi abbassate la fiamma; lasciate sobbollire fino a quando anche il liquido si sarà assorbito. Lasciate raffreddare a temperatura ambiente quindi unite manzo macinato, cipollotti cumino, sale e pepe; formate gli hamburger e cuoceteli in padella con un filo d’olio. Farcite i panini con la carne, un formaggio dal gusto deciso tipo cheddar, fette di pomodoro e, tra le salse, scegliete quella barbecue.

Usate la quinoa anche per preparare polpette: deliziose se cotte con sugo di pomodoro e feta. Cuocete la quinoa e unitela al macinato, impastando con sale, cumino, pepe di Cayenna e uovo. Formate delle polpettine e disponetele su una leccarda. In una padella, unite sugo alla marinara, cannella e cumino. Cuocete fino ad addensare il sugo, aggiungete le polpettine e lasciate cuocere per 3 o 4 minuti. Se siete amanti di sughi diversi, potete cucinare le polpette in un sughetto in bianco: sminuzzate carote e zucchine, affettate sottilmente le cipolle, saltate tutto in padella con olio extravergine d'oliva e addensate con qualche mestolo di brodo e farina.

La quinoa nei dolci

Dolci La macinazione dei semi di quinoa dà vita ad una buonissima farina con cui si possono preparare un’infinità di dolci e pani. Grazie al suo sapore di nocciola, si adatta ad abbinamenti con sciroppi scuri come lo sciroppo d’acero, cacao in polvere e spezie decise.

Cominciate con una torta al cioccolato e incuriosite i vostri ospiti con un ingrediente del tutto insolito che, insieme alla quinoa, regala al dolce un sapore mai gustato. Un impasto con farina di quinoa, zucchero, cacao, bicarbonato, sale, uova, purea di mele, siero di latte, olio ed estratto di vaniglia a cui si aggiungono, sorprendentemente, le zucchine tagliate a julienne. Servite questa torta a merenda, non ve ne pentirete.

Differenza tra quinoa e bulgur

Differenze Il bulgur si ottiene dalla lavorazione dei chicchi di frumento messi in ammollo e fatti germogliare, quindi essiccati, spezzettati e precotti. L’aspetto ingannevole può generare confusione, ma ricordatevi che quinoa e bulgur non sono la stessa cosa. Il bulgur, infatti, è un cereale e si prepara lasciandolo in ammollo per 30 minuti circa e cuocendolo con quantità di acqua raddoppiate rispetto al cereale. Il bulgur si usa in cucina e la ricetta più conosciuta che lo vede protagonista è sicuramente il tabulé, una fresca insalata di origine libanese che, in una versione alternativa, si prepara anche con la quinoa.