Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al suo funzionamento e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutto o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando qualunque suo elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Come cucinare i peperoni

Galbani
Come cucinare i peperoni
Il loro profumo è inconfondibile, il loro sapore intenso, la loro consistenza croccante e carnosa: oggi portiamo in tavola, in tutti i modi possibili, il principe indiscusso delle verdure: il peperone! Un ortaggio che ha compiuto un lungo viaggio e si è fatto conoscere ovunque nel mondo partendo dall’America.

Parte integrante della nostra tradizione culinaria, il peperone è coltivato in Italia soprattutto al centro sud e appartiene alla stagione più calda ma, fortunatamente, riusciamo a trovarlo sui banchi dei mercati in tutti i mesi dell’anno perché è molto diffusa la coltivazione in serra. Buonissimo anche crudo insieme a coloratissime insalate o come pinzimonio, vediamo come cucinarlo e come esaltare al meglio il suo sapore davvero ineguagliabile.

Rossi, verdi, gialli, i peperoni sono anche un vero tripudio di colori per una tavola vestita di allegria, dagli antipasti ai primi piatti, ai contorni, alle torte salate, alle pizze che si arricchiscono del loro gusto e del loro profumo. Ottimi anche se preparati in conserve così da averli sempre pronti e disponibili quando la loro voglia vi assale all’improvviso.

Come cucinare i peperoni in padella

padella I peperoni si possono davvero preparare in mille modi e, diciamo la verità, qualsiasi modo di cottura decidiamo di scegliere, il risultato è sempre sensazionale. Prima di procedere, questo ortaggio deve essere pulito e svuotato a seconda dei modi di cottura, quindi seguite i nostri consigli ma, niente paura, nulla di complicato o noioso perché i peperoni hanno davvero tutto dalla loro parte: facili da pulire, facili da preparare e, soprattutto, buonissimi da mangiare.

Se avete deciso di cucinarli in padella, privateli della calotta superiore che è la parte a cui è attaccato il picciolo, divideteli a metà con un coltello ben affilato e, con un coltellino più piccolo, togliete i filamenti bianchi e i semi e tagliateli a seconda di come li volete.

Un modo semplicissimo e fortemente tradizionale di cucinare i peperoni in padella è la peperonata, una ricetta veloce e saporita, arricchita dal profumo inebriante del basilico che porta in tavola sempre tanto buon umore. Peperoni, aglio, cipolla, salsa di pomodoro per un piatto pieno dei sapori dell’Italia del Sud che ha conquistato l’intero stivale e si prepara, ormai, nelle cucine di tutte le regioni.

Anche la caponata è un patto tipico del sud che si prepara cucinando in padella tutti gli ingredienti e ai peperoni si uniscono, in un tripudio di gusto e colore, le melanzane, le olive, il sedano, la carota, la cipolla, i capperi e la menta per un contorno davvero ricco di profumo e inconfondibile sapore, ideale anche da gustare freddo. Una tra le ricette vegetariane più golose in assoluto per cui la scarpetta, diciamo la verità, è quasi d’obbligo.

Dalla padella possono venire fuori anche delle impareggiabili polpette di peperoni e qui la scelta sta a voi: aperitivo, antipasto o contorno? Ma non dovete decidere per forza perché una volta provate queste fantastiche polpette, anche molto facili da preparare, vorrete cucinarle molte altre volte e allora le occasioni per distribuirle nei vostri menu settimanali non mancheranno.

Come cucinare i peperoni al forno

forno I peperoni al forno possono dar vita a ricette diverse e divertenti come quella degli involtini, golosi bocconcini da gustare anche all'ora dell’aperitivo. Lavate e pulite i peperoni rossi, lasciateli arrostire in forno, fateli raffreddare; nel frattempo, preparate la farcia in una terrina unendo la mollica sbriciolata di pane raffermo con capperi, acciughe, aglio, prezzemolo, olio e sale. Tagliate i peperoni in quattro falde, farcitele con il composto, arrotolatele e chiudetele con degli stuzzicadenti. Sistematele in una teglia unta di olio e condite con altro olio e una spolverata di sale. Infornate a 180° per 10 minuti.

Un’altra preparazione semplice e veloce li arricchisce con il gusto del Galbanino per avere dei peperoni al forno deliziosamente invitanti. Non vi resta che studiare la ricetta e mettervi ai fornelli.

Come cucinare i peperoni arrostiti

arrostiti I peperoni arrostiti sono un piatto da mangiare sempre, in qualsiasi momento e in qualsiasi occasione perché, a seconda della presentazione, possono collocarsi in una tavola elegantemente imbandita, magari nel giorno di Natale, serviti come contorno in un raffinato piatto da portata in porcellana, o nel menu settimanale della famiglia. Per preparare i peperoni arrostiti dovete prendere peperoni gialli e rossi, lavarli, asciugarli e disporli in una teglia per 15 minuti circa sotto il grill del forno precedentemente riscaldato. Una volta che si sono abbrustoliti, ma non troppo, lasciateli raffreddare in modo da poterli pulire più facilmente, quindi privateli della calotta, della pelle e dei semi e tagliateli a listarelle piuttosto larghe nel senso della lunghezza. Noterete che perderanno molta della loro acqua quindi, prima di condirli, lasciateli scolare per bene in un colino a maglie larghe. Disponeteli in un piatto da portata e conditeli con sale, olio, aglio, basilico e una spruzzata di succo di limone.

Preparati così, i peperoni possono anche essere inseriti in una gustosa insalata di tonno, arricchita da una fresca mozzarella e da pomodori sugosi per un piatto unico, ideale da portare a lavoro, in una gita fuori porta o al mare per un pranzo veloce e leggero.

Come cucinare i friggitelli

friggitelli Unici nel loro sapore sono i friggitelli, piccoli peperoni verdi, stretti e lunghi che si possono preparare in molti modi: possono essere un saporito contorno o anche accompagnare un buon piatto di pasta.

La loro particolarità è che si cucinano interi, si lavano per bene ma non si dividono. Il modo più veloce per avere un contorno subito pronto, senza fare una grande fatica, è cucinarli in padella, fritti insieme a qualche pomodorino, uno spicchio d’aglio, un pizzico di sale e un piccolo peperoncino fresco. Lasciateli cuocere in padella a fuoco medio, mescolando con un cucchiaio di legno e facendo attenzione a non farli asciugare troppo; in questo caso, potete aggiungere un mestolo di acqua calda.

Se li preferite in bianco, niente paura, sono buonissimi anche così. Lavateli, privateli dei semi e asciugateli bene. Fate scaldare in una padella dell’olio extravergine d’oliva, aggiungete i friggitelli e lasciate cuocere per qualche minuto; quindi, coprite con il coperchio e proseguite la cottura fino a quando non si saranno ammorbiditi. Serviti accanto a una buona frittata o con mozzarella, pomodorini e basilico sono davvero imperdibili e si conservano bene in frigorifero fino a 3 o 4 giorni.

E per un antipasto stuzzicante, vi proponiamo i friggitelli ripieni, un vero colpo di genio per impreziosire ancora di più questo peperone dal sapore tanto dolce e speciale.

Come cucinare i peperoni ripieni

ripieni Preparare i peperoni ripieni significa fare un vero e proprio regalo ai commensali che si siederanno intorno alla vostra tavola. Per avere un peperone pronto alla farcitura è necessario pulirlo nel modo seguente: si deve tagliare la calotta per poi poter eliminare la parte centrale che contiene i semi e i filamenti, facendo attenzione a non romperlo con il coltello. A questo punto si può lavare e asciugare bene con un canovaccio pulito o con della carta assorbente e il peperone è pronto per essere farcito a dovere.

Per preparare i peperoni ripieni esistono innumerevoli ricette. Potete, infatti, preparare un facile ripieno con mollica sbriciolata di pane raffermo, uova e parmigiano con cui dovete riempire i peperoni e sistemarli in una teglia, interponendo tra loro degli spicchi di patate condite con formaggio, aglio, prezzemolo, pomodorini. Irrorate con abbondante olio, salate, infornate a 220° e lasciateli in cottura per 45 minuti circa. Un piatto semplice che emana profumi evocativi di una cucina che, con ingredienti poveri, riesce a regalare la sontuosità del sapore.

Un’alternativa per chi gradisce un ripieno diverso, sono i peperoni ripieni vegetariani che vengono arricchiti dal sapore della ricotta e addolciti dalla tenerezza delle zucchine. Assolutamente da provare.

Come cucinare i peperoni in agrodolce

agrodolce I peperoni sono una verdura che si presta benissimo alla preparazione in agrodolce. Insieme a qualche ingrediente originale, porterete in tavola un contorno davvero delizioso e irresistibile. Affettate uno scalogno molto sottile, aggiungete i peperoni che avrete precedentemente pulito come descritto sopra e tagliateli a listarelle. Aggiustate di sale e continuate a cuocere fino a quando si sono ammorbiditi. Quindi, versate lo zucchero sui peperoni, sfumate con un cucchiaio di aceto di mele, aggiungete una manciata di pinoli e fate saltare in padella per qualche minuto. Ecco pronti i vostri peperoni in agrodolce. Un contorno sempre molto gradito per chi ama i sapori diversi che mantengono, però, un legame con la tradizione.

Come cucinare il pollo con i peperoni

pollo Tra i secondi piatti più famosi, il pollo con i peperoni si trova a un buon posto nella classifica dei più buoni e golosi e un’idea veloce e gustosa è quella di preparare un buon petto di pollo con peperoni e zucchine. In questo caso, dovrete tagliare i peperoni a dadini e farli rosolare in padella con cipolle e zucchine, aggiungere il pollo alle verdure e il gioco è fatto. State già immaginando il profumo, vero? Allora non vi resta che leggere attentamente la ricetta e correre a comprare tutti gli ingredienti.

Per dare un tocco più particolare al vostro menu, potete anche pensare di preparare degli invitanti bocconcini di pollo dal sapore deciso aggiungendo un po’ di piccante, ovviamente se a tavola non ci sono bambini*. Uno spezzatino che nuota nella bontà di una tra le salse più succulente che abbiate mai mangiato. Tagliate a bocconcini il petto di pollo e mettetelo in una pirofila unta di olio extravergine d’oliva. In un mixer, tritate insieme un peperone rosso con ketchup, olio, peperoncino e paprica, versate la salsa sul pollo e aggiustate di sale. Fate marinare la carne per un’ora e mettete in forno ventilato a 200° per 20 minuti circa. Questo piatto è perfetto se servito con il riso basmati o con delle patate al forno, entrambi alimenti che riescono bene ad assorbire la salsa e ad esaltarne il sapore.

*sopra i 3 anni

Come cucinare peperoni e patate

patate Peperoni e patate è tra le ricette più veloci ed è sicuramente un contorno base che può accompagnare piatti sia di carne sia di pesce. Pulite i peperoni dalla calotta, dai semi e dai filamenti e tagliateli a quadrotti; lavate e sbucciate le patate, tagliatele a cubetti e lasciatele per qualche minuto in acqua fredda. Quindi scolatele, asciugatele bene con un canovaccio pulito e unitele ai peperoni in una terrina. Nel frattempo, riscaldate dell’olio extravergine d’oliva in una padella capiente, tuffatevi i vostri ingredienti e lasciate cuocere per 45 minuti circa, avendo cura di mescolare di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. A metà cottura aggiustate di sale e servite caldo, anche se questo piatto è davvero buono mangiato freddo, anche il giorno dopo.

Tra le ricette da preparare con peperoni e patate, per i più golosi c’è la variante con le uova. Siete pronti a farvi stuzzicare l’appetito? Allora continuate e leggere! In una padella preparate il principe dei sughi: quello con pomodorini freschi, aglio e basilico e mettetelo da parte. Prendete peperoni rossi e verdi, lavateli e puliteli come avete già imparato a fare e tagliateli a striscioline sottili, metteteli in una padella con olio d’oliva e friggeteli. Fate la stessa cosa con le patate: lavatele, sbucciatele e affettatele a fettine sottili, quindi prendete un’altra padella e friggetele. Unite le due fritture al sughetto, lasciate insaporire per 5 minuti e aggiungete le uova; continuate la cottura fino a quando l’albume si rapprende facendo attenzione a non rompere i tuorli, salate e servite. Non avrete bisogno di altro!

Un ortaggio dall’inconfondibile sapore, tante le preparazioni, unico il suo contributo al successo garantito di un pranzo o di una cena. Buon appetito!