Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al suo funzionamento e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutto o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando qualunque suo elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Come cucinare i broccoli

Galbani
Come cucinare i broccoli
Fra le varianti di cavolo, una delle più apprezzate in cucina è il cavolo broccolo.

A differenza dei cavolfiori, questa varietà ha foglie più numerose e la sua infiorescenza è di colore verde tenue. A seconda della regione di appartenenza, il cavolo broccolo si differenzia anche nella forma e nella compattezza: tra le varietà distinguiamo il broccolo romano e quello nero, della zona di Napoli.

In cucina è molto versatile, può essere cucinato in diversi modi, diventando protagonista di molte ricette, alcune tipicamente regionali. Scopriamoli insieme!

Come cucinare i broccoli in padella

Padella Cucinati in padella i broccoli possono diventare un contorno ricco di gusto. Sono indicati soprattutto per accompagnare secondi piatti di carne. La facile preparazione di questa ricetta è una delle preferite di chi ama spadellare. Frullati con altre verdure, invece, possono dare un sapore più interessante e intenso alle zuppe.

Come dicevamo, cucinare i broccoli in padella è molto semplice. Ovviamente, si comincia pulendo l’ingrediente chiave e tagliando i gambi e le foglie.
Lasciate ammorbidire le cimette in abbondante acqua calda salata, basteranno pochi minuti perché dovranno essere al dente. Scolateli, quindi, quando sono sodi ed evitate di farli sfaldare. Se preferite, tagliate i broccoli in pezzi più piccoli.
In una padella dalle dimensioni adeguate, fate scaldare un cucchiaio di olio d’oliva e aggiungete uno spicchio d’aglio, quando quest’ultimo sarà diventato dorato potrete decidere se rimuoverlo o lasciarlo, a seconda dei vostri gusti. Aggiungete le cime, ancora un pizzico di sale e coprite con un coperchio. Lasciate cuocere dolcemente per una quindicina di minuti o qualcosa in più, se li preferite più morbidi. A questo punto, sono pronti per essere serviti.
Seguendo il vostro gusto e il vostro istinto, potete apportare delle varianti alla ricetta di base. Ad esempio, aggiungendo all’olio del peperoncino o qualche spezia, come l’aneto.
Se i broccoli saltati in padella accompagneranno secondi piatti a base di pesce, potete aggiungere anche delle alici e delle olive. Un contorno davvero corposo, che potrete proporre anche come antipasto.

Come cucinare il broccolo romano

Romano Il broccolo romano (o romanesco) è un ortaggio molto antico. Questa varietà stupisce molto per il suo aspetto affascinante, con forme piramidali che si ripetono in modo preciso e simmetrico: la natura che si presenta nella sua perfezione!
Oltre ad essere bello, fortunatamente, ha anche un buon sapore, delicato e leggermente dolce. Al momento dell’acquisto prestate attenzione che il suo colore sia di un bel verde chiaro, raggiante, senza macchie scure.
Può essere consumato senza alcuna cottura, condito con olio, sale e limone; oppure cotto al vapore o lessato, dopo aver rimosso le foglie e parte del gambo. Se l’odore emanato durante la cottura vi infastidisce, come se fosse un cavolfiore, aggiungete all’acqua anche una fetta di pane intrisa di aceto e limone. Inoltre, una volta eliminate le foglie, tagliate il broccolo romano in parti più piccole, poiché non è possibile cuocerlo intero.

È possibile cucinare il broccolo romanesco in diversi modi, anche saltato in padella, come prevede la classica ricetta laziale. Per cucinare il broccolo romano saltato in padella, pulire il broccolo tagliando solo le cimette e incidendone il gambo (in questo modo, la cottura sarà più regolare, e non avrete parti eccessivamente cotte oppure eccessivamente sode). Lavate e lasciate lessare per una decina di minuti. A questo punto, scolateli e fateli saltare in una padella con olio, aglio dorato e qualche acciuga. Cuocete con coperchio, a fuoco dolce e, quando la cottura volge ormai al termine (dipende anche dai vostri gusti) aggiungete le olive nere. Un contorno molto saporito, adatto a qualsiasi secondo piatto.

Come cucinare i broccoli al forno

Forno I broccoli cotti in forno sono un contorno molto simpatico, da gustare anche come aperitivo. Esistono diverse varianti per questa ricetta: con patate e galbanetto, con pane, con besciamella . I broccoletti al forno, con la loro gratinatura, sapranno conquistare anche i bambini*. Potrete poi personalizzare la ricetta come meglio preferite, aggiungendo i formaggi e i salumi che avete già in frigo. Preparare i broccoli al forno è molto facile: lessate le cime in acqua abbondante salata, per una decina di minuti, e scolateli accuratamente. Prendete una teglia, spennellatela con un po’ di olio d’oliva, oppure del burro, create un velo con il pangrattato e aggiungete i broccoli. Ricoprite il tutto con la besciamella, un po’ di pangrattato e del parmigiano. Infornate in forno preriscaldato a 180°, per una ventina di minuti.
Un altro modo per preparare i broccoli al forno, portando in tavola un contorno decisamente meno corposo, è quello di far cuocere le cimette disposte su una teglia, ricoperta con carta da forno o con un foglio di alluminio, condite con un filo di olio e un po’ di sale e di pepe. Lasciateli cuocere per una ventina di minuti, fin quando non saranno croccanti (ma non bruciati!). Unica accortezza per questa ricetta: prima di infornare le cimette, che non dovranno sovrapporsi, assicuratevi che siano ben asciutte, per evitare che possano risultare troppo morbide e disfarsi.

*sopra i 3 anni

Broccoli lessi

Lessi I broccoli lessi sono il punto di partenza per la creazione di diversi piatti. Riempite una pentola capiente con dell’acqua e poco prima che raggiunga il bollore (deve essere ancora “ferma”) salate e aggiungete i broccoli, precedentemente puliti. Dopo una decina di minuti controllate che siano al dente e, nel caso, scolateli.
Cotti in questo modo, possono essere consumati anche conditi solo con olio d’oliva e limone.

Broccoli bolliti

Bolliti I broccoli bolliti vengono generalmente impiegati per le zuppe di verdura, per delle vellutate o per una crema. Sono, infatti, più morbidi e tendono a rompersi con più facilità. Vengono cotti in abbondante acqua bollente e salata, per una ventina di minuti. Alla stessa acqua potrete aggiungere anche altri ortaggi, come le carote, oppure dei legumi (ma tenete presente i diversi tempi di cottura). Inoltre, potrete conservare l’acqua per cuocere pasta o riso.

Broccoli al vapore

Vapore Con la cottura al vapore i broccoletti manterranno sapore, colore e anche una buona consistenza. Una volta pronti potrete decidere di mangiarli così come sono, magari con un condimento semplice, oppure di utilizzarli per altre preparazioni.

Con questa tecnica si sfrutta il vapore dell’acqua: quest’ultima, infatti, non interagisce in modo diretto con gli alimenti. Tra i pregi troviamo un risultato ottimale e un risparmio di tempo e di energia. Potrete utilizzare questo metodo con un sistema di pentole, cestelli e, ovviamente, il coperchio; oppure una vaporiera elettrica.
I cestelli possono essere sostituiti con uno scolapasta di metallo. Se scegliete la prima opzione, procedete in questo modo: aggiungete l’acqua in una pentola capiente, inserite il cestello (o lo scolapasta) e controllate che non ci sia alcun contatto con l’acqua. Portare l’acqua a bollore e, anche in questo caso, è importante che non tocchi il cestello. Aggiungere le cimette, precedentemente lavate e tagliate, e coprire con un coperchio. Dopo circa cinque minuti controllare la cottura, con la prova della forchetta. In questa operazione tenete il viso lontano dalla pentola, evitando la nuvola di vapore che potrebbe alzarsi. I vostri broccoli dovrebbero essere già pronti per essere scolati e conditi.
Se non avete il cestello adatto, oppure lo scolapasta, ma avete un forno a microonde potete avere ugualmente un buon risultato. L’operazione è molto semplice, occorre solo un’apposita ciotola per microonde, con coperchio: aggiungete le verdure, conditele con un po’ di burro o di olio se preferite, incorporate un po’ di acqua (circa 25 cl per ogni 250 gr ci cimette), coprite. A questo punto, fate cuocere alla massima potenza per pochi minuti. Il risultato finale dovrà essere morbido, ma non eccessivamente.

Come cucinare i broccoli con la pasta

Pasta La pasta con i broccoli è uno di quei piatti sempre graditi, soprattutto durante la stagione autunnale e invernale. Questa verdura si presta a diverse ricette e rivisitazioni, più o meno sostanziose.

I tipi di pasta che si adattano a questa preparazione sono i più svariati, ma è preferibile restare su un formato di pasta corto. Per essere tradizionali, potreste usare le classiche orecchiette pugliesi. La ricetta tradizionale prevede le cime di rapa tra gli ingredienti, ma è possibile sostituirli con i broccoli, il risultato è ugualmente garantito.
Pulite un chilo di broccoli e teneteli da parte. Portate l’acqua a bollore, in una pentola capiente e versate i broccoli e la pasta. Per questo passaggio è importante tener presente la cottura dei due ingredienti: per i broccoli una decina di minuti possono essere sufficienti, mentre per la pasta potrebbero volerci tempi diversi, regolatevi quindi di conseguenza, in base alle indicazioni riportate sulla confezione. Intanto, scaldate qualche cucchiaio di olio d’oliva in una padella, aggiungete uno spicchio d’aglio e spegnete quando quest’ultimo sarà diventato dorato. Aggiungete subito le alici, in modo che possano sciogliersi sfruttando il calore dell’olio. Quando la pasta sarà pronta scolatela bene, tenendo da parte qualche cucchiaio di acqua di cottura. Versate broccoli e pasta nella padella, accendete di nuovo il fuoco e mescolate accuratamente. Se lo ritenete necessario aggiungete qualche cucchiaio di acqua. Servite ben caldo, con una spolverata di pepe o peperoncino.

Se siete alla ricerca di primi che siano più sostanziosi, creando dei piatti unici, potreste preparare la pasta con broccoli e salsiccia, un accostamento sempre vincente.
In un tegame capiente, portate a bollore dell’acqua salata. Aggiungete le cime di broccoli e lasciate cuocere una decina di minuti. In una padella a parte, fate riscaldare un cucchiaio di olio con uno spicchio d’aglio e aggiungete la salsiccia sgranata. Sfumate con del vino bianco, aggiungete un pizzico di sale e di pepe e lasciate cuocere a fuoco lento. Quando i broccoli saranno pronti, prelevateli e amalgamateli con la salsiccia.
Cuocete la pasta nella stessa acqua di cottura delle cime. Quindi scolatela e saltatela in padella con la salsiccia e i broccoli.
Se invece preferite piatti vegetariani, provate la pasta con broccoli e crescenza, oppure delle lasagne bianche, un’idea piacevole da portare in tavola anche durante il pranzo di Natale. Per preparare questo piatto sbollentate i broccoli e fateli saltare in padella, con un pizzico di peperoncino. Preparate la besciamella, tagliate la scamorza a tocchetti e preriscaldate il forno a 200°. Stendete uno strato di besciamella in un tegame da forno, sistemate uno strato di lasagne, un po’ di broccoletti, un po’ di scamorza, del formaggio parmigiano grattugiato e la besciamella. Proseguite così finché gli ingredienti non saranno terminati.

Secondi piatti con i broccoli

Secondi I broccoli sono molto versatili anche per la creazione di secondi piatti. Ecco qualche spunto per risvegliare la vostra creatività.

Unendoli a dei fagioli lessati e schiacciati accuratamente con una forchetta, potrete creare degli hamburger molto simpatici, che piaceranno anche ai bambini* che, in questo modo, mangeranno sia la verdura che i legumi senza far troppe storie. I fagioli, in questa preparazione, servono a dare maggiore struttura al composto, oltre a conferire più gusto.
In alternativa, provate a creare delle polpette.
Come abbiamo già detto, con un cavolo broccolo, patate e Galbanino potrete creare uno sformato ricco di gusto e simpatico, grazie al gioco di consistenze tra l’esterno croccante e il cuore morbido.

E come resistere ad un piatto composto da crêpes con broccoli e formaggio filante? Preparate le crêpes, secondo la vostra ricetta preferita. Fate saltare i broccoli in padella, dopo averli fatti sbollentare e dopo un po’ aggiungete il Galbanino, tagliato a tocchetti. Aspettate che il formaggio inizi a sciogliersi, prelevate un po’ di composto, con un cucchiaio, e trasferitelo al centro di una crêpe. Piegate a metà e buon appetito!

Questo ortaggio si presta molto bene alla preparazione di torte salate, da poter personalizzare come preferite. Se siete amanti della pizza, provate a prepararla in casa e a farcirla con broccoli ripassati in padella e salsiccia: ottima da gustare in compagnia di amici, oppure mentre guardate un film alla tv, in pieno relax.

L’accostamento broccoli e salsiccia vi piace? Bene, procuratevi un rotolo di pasta sfoglia, stendetelo e posizionate al centro questa accoppiata vincente, preparata come già descritto in precedenza, e aggiungete un po’ di Galbanino. Richiudetelo come se fosse un pacchetto, capovolgetelo e spennellatelo con un composto di tuorlo e olio.
Incidete leggermente la superficie ed infornate in forno preriscaldato, a 200°, per una trentina di minuti. Prima di consumarlo, lasciate che si raffreddi un po’.

*sopra i 3 anni